Le poesie di Catullo/40

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
40

../39 ../41 IncludiIntestazione 7 settembre 2010 100% poesie

Gaio Valerio Catullo - Poesie (I secolo a.C.)
Traduzione dal latino di Mario Rapisardi (1889)
40
39 41
[p. 42 modifica]

Qual bieco stimolo, di’, t’ha cacciato,
     Meschino Ravido, ch’altro non sei,
     A precipizio sui giambi miei?

Qual nume infausto male invocato
     5Il perverso animo così ti aízza,
     Che meco a scendere ti accingi in lizza?

Ah, vuoi tu correre di bocca in bocca?
     Vuoi farti celebre comunque? E sia:

Pena perpetua soffrir ti tocca,
     10Se amasti, o misero, la donna mia.