Le poesie di Catullo/47

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../46

../48 IncludiIntestazione 7 settembre 2010 100% poesie

Gaio Valerio Catullo - Poesie (I secolo a.C.)
Traduzione dal latino di Mario Rapisardi (1889)
47
46 48
[p. 49 modifica]

Voi dunque, o Porcio, o Socratione,
     Sinistre granfie di Gneo Pisone,

Inalza assiduo quest’ebreo grullo
     Sul mio Veranio, sul mio Fabullo?

5Voi fame e scabbia del mondo tutto,
     Codesto Príapo sghiandato e brutto?

E voi tra lauti banchetti, intorno
     Sbuffate tronfj, di pieno giorno,

Mentre i miei poveri compagni amati
     10Nel trivio aspettano d’esser chiamati?