Le prose e poesie campestri.../Appendice

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Dissertazione su i giardini inglesi

../ IncludiIntestazione 14 febbraio 2011 100% Da definire

Dissertazione su i giardini inglesi Le prose e poesie campestri...

[p. 259 modifica]



Dopo avere io scritta, e mandata all’Accademia di Padova la mia Dissertazione, il celebre Professor Malacarne pubblicò un suo discorso, in cui, parlando del Parco vecchio, che presso Torino fu piantato per ordine, e sul disegno di Carlo Emanuele I. Duca di Savoja, ed esaminando certe Lettere del Coppino, nelle quali favellasi di detto Parco, ei fa conghiettura, che questo avesse non poco della maniera, e del gusto Inglese. E non poco di fatto ne avea; come poi egli stesso s’accorse per una Lettera di Torquato Tasso a Giovanni Botero, che trovata fu dal Cavalier Tiraboschi nell’Archivio di Guastalla, e a me venne dalla gentilezza del dottissimo Professore comunicata. Ecco la [p. 260 modifica]Lettera, che non fu ancora, ch’io sappia, prodotta in luce, e al Serassi rimase ignota: Affinchè il Signor Duca di Savoja mio Signore sappia quanto grato io sia alla Serenità di V. Sig. Illust. per li boni uffizj, con cui s’è degnata di favorirmi apresso a chi maggiormente importava; raccorrò da V. S. pregandola, che assicuri sua Sig. Sereniss. aver io voluto immortalare per quanto in me stia la magnifica et unica al Mondo sua Opera del Parco accanto alla sua capitale in una stanza della mia Gerusalemme, dove fingo di descrivere il Giardino del Palagio incantato d’Armida, et vi dico così:

Poichè lasciar gli avviluppati calli,
In lieto aspetto il bel giardin s’aperse.
Acque stagnanti, mobili cristalli,
Fior varj, e varie piante, erbe diverse,
Apriche collinette, ombrose valli,
Selve, e spelonche in una vista offerse;
E quel, che il bello e il caro accresce all’opre,
L’arte, che tutto fa, nulla si scopre.

[p. 261 modifica]Ricordate al Serenissimo Sig. Duca le mie passate et presenti infelicità, e pregatelo, che si degni di continuare a chieder il termine in gratia a chi n’è l’arbitro. baciateli in mio nome il ginocchio, et vivete felice. Da le prigioni di S. Anna di Ferrara. Alle Lettere del Coppino si possono aggiungere tre Sonetti del Chiabrera, ch’egli intitola; Per lo Barco, o sia Parco, ordinato da Carlo Emanuele Duca di Savoja. Sappiamo, che il Duca onorò molto il Chiabrera, e che invitollo per bocca del suddetto Giovanni Botero a rimanere in sua Corte, quando l’invitato era giovine ancora, e scrivea il Poema dell’Amadeide. Ecco i Sonetti, i quali, benchè non sien senza macchie, mostrano tuttavia il poetico valore di chi dettolli. [p. 262 modifica]

I.



Poichè a nemico piè l’Alpi nevose
     Chiuse Carlo, d’Italia almo riparo,
     E non mai stanco in faticoso acciaro,
     Con magnanimo cor l’armi depose,

A diporto di lui foreste ombrose
     Vaghe Napée lungo la Dora alzaro,
     Ove s’Eto, e Piróo l’aure infiammaro,
     April rinverda le campagne erbose.

Fama per queste nove a scherno prende
     L’antiche Tempe, e del famoso Atlante
     L’alme ricchezze il peregrin qui scorge.

Ma svegliato dragon non le difende:
     Anzi cortese allo straniero errante
     Con larga destra il grande Eroe le porge.

[p. 263 modifica]

II.


Drïadi ombrose, alla cui nobil cura
     L’orror commise della selva amica
     Carlo, tra le cui piante alla fatica
     De’ più gravi pensier talor si fura;

Euro invitate a contemprar l’arsura
     Con l’aure, che nel grembo ei si nutrica
     Ed Austro allor, che la campagna aprica
     Borea col gel de’ freddi spirti indura.

Ma perchè rio furor d’alta tempesta
     Tronco non svella, o di saetta accesa
     Non sia rimbombo a minacciarla ardito,

Basta Carlo scolpir per la foresta,
     Ch’ella fia d’ogni oltraggio indi difesa:
     Tanto è l’eccelso nome in Ciel gradito.

[p. 264 modifica]

III.


Se dentro l’ombra delle regie fronde,
     Che per l’industre man folta si stende,
     Pari a quella giammai belva discende,
     Che d’Erimanto sbigottì le sponde;

O pur, se a quella, che le selve, e l’onde,
     Col nome ancor di Calidonia offende,
     Altra sembiante dure terga orrende
     Vi porta, o zanne di gran spuma immonde,

Destre, di cui miglior Grecia non vide,
     Sollecite a placar l’ombroso chiostro
     Armeranno archi sanguinosi, e rei;

E quasi Meleagro, e quasi Alcide,
     Carlo il gran teschio appenderà del mostro:
     Chè sa di più gran spoglie alzar trofei.

[p. 265 modifica]Ma ritornando alla Lettera del Tasso, conchiuderò, che se la gloria dell’invenzione non appartien più, come vuolsi confessare, al poeta Italiano, certo all’Italia appartiene, e anche meglio; poichè si vede da quella Lettera principalmente, che il Giardino Inglese non solo fu descritto dalla penna di Torquato prima, che da qualunque altra, ma che innanzi a tutti l’ideò, ed eseguì Carlo Emanuele I. Duca di Savoja.


il fine.