Le vite di Dante, Petrarca e Boccaccio scritte fino al secolo decimosesto/Dante/Jacopo Filippo Foresti

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Jacopo Filippo Foresti

../Cristoforo Landino ../Dalle Aggiunte allo Speculum historiale IncludiIntestazione 16 luglio 2015 75% Da definire

Dante - Cristoforo Landino Dante - Dalle Aggiunte allo Speculum historiale
[p. 194 modifica]

XIX. FRA IACOPO FILIPPO FORESTI

DA BERGAMO

[p. 195 modifica]
[p. 194 modifica]

Jacopo Filippo Foresti, da Bergamo, 1434-1520. — Fratis Jacobi Philippi Bergomensis ordinis fratrum Eremitarum divi Augustini in omnimoda historia novssime congesta Supplementum Cronirarum appellata, Venetiis, per Bernardinum de Benaliis, 1483; e Brixiae, per Boninum de Boninis de Ragusia Anno domini mcccclxxxv, die primo decembris; fol, — Dopo la narrazione storica della divisione dei Bianchi e Neri di Pistoia: «Qui quidem morbus mox et Lucam invasit: unde cum Albis Nigros ex Pistoria urbe eiecissent, et Nigri Albos mox e Florentia eiecere inter quos Dantes poeta fuit»; segue il paragrafo consueto Viri disciplina excellentes, tra i quali è la notizia di Dante, a c. 291 r. - 292 r. Dell’opera del Foresti si ha una traduzione in volgare: Supplemento de Chroniche: compillato In latino da frate Jacopo Philippo da Bergamo del ordine de sancto Agustino.... et vulgarizzato per me Francesco C. nella nobilissima Città di Fiorenza questo anno nel 1488 et finito adi 17 de Zenaro nel prefato millesimo, impresso «nella inclita Città di Venetia per me Bernardino Rizo de Novara 1491 adi 8 de Octobrio». — La notizia dantesca è nel Libro xiii, c. 246 r.

[p. 195 modifica]

L’opera del Bergomate fu poi rimaneggiata e ristampata più volte con atrgiunte; e stante qualche varietà di lezione, per quanto piccola, credo non inutile aggiungere anche uno di questi testi, e scelgo quello dell'edizione Supplementum Chronicorum omnes fere historias quae ab orbe condito hactenus gestae sunt, iucunda admodum dicendi brevitate complectens. Opus sane quam utilissimum, et cuisvis conditionis viro pernecessarium: primun quidem a venerando patre Jacobo Philippo Bergomate ordinem Eremitarum professo conscriptum, deinde vero eruditorum quorundam diligentia multis mendis ac superfluis quibusdam rebus diligentissime repurgatum in studiosorum omnium gratiam atque utilitatem. Cui insuper addita est nostrorum temporum brevis quaedam accessio, eorum annorum historias ac res tum privatas tum externas complectens quae ab anno 1500 ad annum 1535 tum hic tum etiam alibi gestae sunt. Parisiis, MDxxxv. Apud Simonem Colineum in vico D. Ioannis Bellovacensis. Cum privilegio. — Il passo dantesco è da c 463 r.]

[p. 194 modifica]Dantes Aligerus, patria fiorentinus, vates et poeta conspicuus ac theologorum certe praecipuus. tempestate ista claruit; vir certe in cives suos egregia nobilitate venerandus atque verendus, qui licet ex longo exilio dannatus tenues illi fuissent substancie, semper tamen phisicis atque theologicis doctrinis imbutus vacavit studiis: unde cum Florentia a factione Nigra pulsus fuisset, ad eius ingenii magnitudinem declarandam Parisium accessit; in qua gymnasium intrans, adversus quoscumque circa quamcunque facultatem volentes disputare responsionibus aut positionibus suis respondere se obtulit disputaturum. Et cum hic circa poeticam scientiam eruditissimus esset, opus inclitum atque divinum lingua vernacula sub titulo Comedie edidit: in quo omnium celestium terrestriumque ac infernorum profonda speculabiliter contemplatus, singula quaeque historice allegorice tropologice ac anagogico descripsit, ubi se certe catholicum et divinum theologum esse ostendit. Aliud etiam eloquentissimum opus omni sapientia plenum edidit, videlicet De Monarchia Mundi titulo prenotatum, in quo probare nititur (licet male) ita monarchia in imperio romano esse ut nulla a pontifice romano habeat dependentiam, sed a solo Deo, nisi in pertinentibus ad forum animarum.

Hic cum ex Galliis regressus fuisset, Federico Aragonensi regi et domino Cani Grandi Scaligero Veronensium principi adhesit, cum quo fuit multa semper amicitia iunctus1: quorum auxilio persaepe, licet frustra, conatus fuit, in patriam redire.

Denique, mortuo Cane2, et ipse apud Ravenam anno domini 1321 aetatis suae quinquagesimo sexto diem obiit3. [p. 195 modifica]

[p. 194 modifica] [p. 195 modifica]

TRADUZIONE DI FRANCESCO C.

Dante, per natione fiorentino, theologo et poeta vulgare celeberrimo, fiorì in questi medesimi tempi, uomo da essere veramente tenuto con riverentia et caro da gli suoi cittadini, el quale advenga perché molto tempo stesse confinato di fuora non fusse de facultà molto richo, nientedimeno fu sempre negli studi sollicito. Et essendo confinato dalla patria sua città fiorentina dalla parte dei Neri, così allora chiamata, se ne andò alla città de Parisi per poter fare delle suoe gran virtù in tanto studio experientia: et publicamente in ogni facoltà messe conclusione offerendosi a tutti gli huomeni docti pronto et parato a le disputatione. Et essendo, come è dicto, doctissimo, compose una opera in lingua vulgare preclarissima et quasi sopra alle forze del ingegno humano, ne la quale tracia del Cielo, del Inferno, del Purgatorio et del Limbo et de tutte le cosse create et veramente è piena de theologia et de filosophia, dimonstrando le forze del suo ingegno excellente et divino. Un altro volume excellentissimo simelmente compose, pieno de ogni sapientia et doctrina, intitolato de la Monarchia del mondo.

Ritornando de Francia fu sempre con Federico Re de Ragona et con el Signor Cane de Verona, del quale fu familiarissimo, et con lo aiuto di questi fece molte volte forza di ritornare nella patria, benché non lo potesse ottenere.

Finalmente essendo de ettà de anni 56 mori nella città de Ravenna che fu nel 1321 et in quella fu sepellito.

Dal Supplimento. ediz. 1535.

Dante Alighieri, per natione Fiorentino, theologo, et poeta volgar celeberrimo, fiorì in questi medesimi tempi, huomo da esser veramente tenuto con riverentia, et caro da suoi cittadini; il quale avenga che molto tempo stesse confinato di fuori, et non fosse di facultà molto ricco, nondimeno fu sempre ne gli studi sollecito. Et essendo confinato dalla parte de Neri, così allora chiamata, se ne andò a Parigi per poter far delle sue gran virtù in tanto studio esperienza, et publicamente in ogni facultà mise conclusioni, offerendosi a tutti gli huomiini dotti pronto et parato alle disputationi. Essendo dottissimo, compose una opera, detta Comedia in lingua volgare, preclarissima, et quasi sopra alle forze dell’ingegno humano, nella qual tratta del cielo, et dell’inferno, del purgatorio, et del limbo, et di tutte le cose create, et veramente piena di theologia et di filosofia, dimostrando le forze del suo ingegno eccellente et divino. Ritornando di Francia fu sempre con Federico Re di Aragona, et col Signore Can di Verona, del quale fu famigliarissimo, et con l'aiuto di questi fece molto volte forza di ritornar nella patria, benché non lo potesse ottenere. Finalmente, essendo morte Cane, et esso di età d’anni cinquantasei morì nella città di Ravenna, che fu nel 1331, et in quella fu sepellito.

  1. Confr. addietro l’estratto dalla Cronaca ferrarese al n.° xvi, e cfr. qui avant i n. xx-xxi-xxii.
  2. Questo errore omesso, dal traduttore, è corretto nello stesso Supplementum a c. 289 b, là dove fa espressa menzione di Cane: «... Erat namque multe eloquentie princeps comesque perhumanus nec non et in omnes liberalis atque doctorum virorum tum ecclesiasticorum tumque oratorum et historicorum ac poetarum assidua familiaritate coniunctus. Inter quos Dantem florentinum poetam ob eius doctrina prestantiam magnis honoribus semper prosequi voluit. Tandem cum urbem Veronam maximis ædificiis illustrasset Anno Domini mcccxxix die xxii iulii sine virili prole deficiens...».
  3. Il Foresti segue con le parole: «De cuius exilio vitaque atque mira doctrina quidam hos versus cecinit dicens:

    Hic postquam patiens Florentia seva penates ecc.

    e reca il carme di Benvenuto da Imola, omettendo i primi tre versi, e mutando il Nam del terzo in Hic, e in seguito con lievi variant (cfr. Del Balzo, Poesie di mille autori ecc., voi. ii, pp. 476-7).