Lettera a Angelo De Gubernatis (17 febbraio 1906)

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Mario Rapisardi

1906 L lettere letteratura Lettera a Angelo De Gubernatis Intestazione 18 settembre 2008 75% lettere

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

17 febbraio 1906


Caro De Gubernatis,

La tua lettera è un bel raggio di sole al tramonto di una tempestosa giornata d'inverno.

Affascinati da un'Idea luminosa, sdegnosi di un'età che non ci comprende, ci abbandoniamo al turbine delle passioni; travagliamo nemici ed amici nell'ebbrezza furiosa di una battaglia ineguale; trascendiamo i termini che la Natura ha prescritti alla nostra missione.

Ma quando, nelle ore di una tregua ristoratrice, o dopo una sanguinosa vittoria, rifacciamo col pensiero le vicende della giornata, il rimpianto delle cose perdute conturba i momenti del nostro riposo, e un fitto velo di malinconia offusca lo splendore delle nostre vittorie.

Se l'aspetto di un vecchio amico, sconosciuto e bersagliato nell'ora grigia, ci si volge allora con benigno sorriso e ci richiama con voce soave alle memori confidenze della irrevocabile età, l'animo nostro sussulta improvvisamente, dimentica le proprie ferite, si solleva in festa a una sfera di luce e d'amore, in cui gl'Ideali della vita, senza perdere il vigore natio, gli si presentano incoronati di una gloria più blanda; la meta della propria missione più vicina; più belli e più puri i trionfi.

Una tal gioia ha recato al mio cuore la tua parola generosa d'affetto; l'anima mia ti corre incontro e si confonde con la tua in un lungo abbracciamento fraterno.