Lettera di Pasquale Paoli a James Boswell

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
italiano

Pasquale Paoli 1765 L Lettera di Pasquale Paoli a James Boswell Intestazione 30 luglio 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


STIMATISSIMO SIGNOR BOSWELL.

RICEVEI la lettera che mi favori da Bastia, e mi consolo assai colla notizia di essersi rimessa in perfetta salute. Buon per lei che cadde in mano di un valente medico! Quando altra volta il disgusto de' paesi colti, ed ameni lo prendesse, e lo portasse in questa infelice contrada, procurerò che sia alloggiata in camere più calde, e custodita di quelle della casa Colonna in Sollacarò; mà ella ancora dovrà contentarsi di non viaggiare quando la giornata, e la stagione vogliono che si resti in casa per attendere il tempo buono. Io resto ora impaziente per la lettera che ha promesso scrivermi da Genova, dove dubito assai che la delicatezza di quelle dame non le abbia fatto fare qualche giorno di quarantena, per ispurgarsi di ogni anche più leggiero influsso, che possa avere portato seco dell'aria di questo paese; e molto più, se le fosse venuto il capriccio di far vedere quell' abito di veluto Corso, e quel berrettone di cui i Corsi vogliono l'origine dagli elmi antichi, ed i Genovesi lo dicono inventato da quelli che, rubando alla strada, non vogliano essere conosciuti: come se in tempo del loro governo avessero mai avuta apprensione di castigo i ladri pubblici! Son sicuro però, che ella presso avrà il buon partito con quelle amabili, e delicate persone, insinuando alle medesime, che il cuore delle belle è fatto per la compassione, non per il disprezzo, e per la tirannia; e cosi sarà rientrato facilmente nella lor grazia.
Io ritornato in Corte ebbi subito la notizia del secreto sbarco dell'Abbatucci nelle spiaggie di Solenzara. Tutte le apparenze fanno credere che il medesimo sia venuto con disegni opposti alla pubblica quiete; pure si è constituito in castello, e protesta ravvedimento. Nel venire per Bocognano si seppe, che un capitano riformato Genovese cercava compagni per assassinarmi. Non potè rinvenirne e vedendosi scoperto si pose alla macchia, dove è stato ucciso dalle squadriglie che gli tenevano dietro i magistrati delle provincie oltramontane. Queste insidie non sembrano buoni preliminari del nostro accomodamento colla repubblica di Genova. Io sto passando il sindicato a questa provincia di Nebbio. Verso il 10 dell' entrante anderò per l'istesso oggetto in quella del Capocorso, ed il mese di Febrajo facilmente mi trattenerò in Balagna. Ritornerò poi in Corte alla primavera, per prepararmi all'apertura della consulta generale. In ogni luogo avrò presente la sua amicizia, e sarò desideroso de' continui suoi riscontri. Frattanto ella mi creda.

Suo affettuosissimo amico

PASQUALE DE' PAOLI.

PATRIMONIO, 23 Decembre, 1765.