Levia Gravia/Libro II/Curtatone e Montanara

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Nel sesto centenario di Dante

../Roma IncludiIntestazione 4 gennaio 2012 100% Poesie

Libro II - Nel sesto centenario di Dante Libro II - Roma
[p. 362 modifica]


XXVII.1

CURTATONE E MONTANARA


Di Maro il fiume e ’l verde pian, che tanta
Mal vendicata, ahimè, virtú rinserra,
Sonerà vostre lodi, o sacra, o santa
4Primavera d’eroi de la mia terra.

Non l’Arno piú. Di regi ostri s’ammanta
La città de i Ferrucci e a voi fa guerra;
Da i servi fasti il vostro culto schianta;
8De gli avi il tempio a voi contende e serra.

O di martiri vulgo, anime ignude,
Fuora!... Troppo gran peso a la memoria
11È la vostra gentil plebea virtude.

Posate in grembo de l’ultrice istoria:
Qui ogni cosa ruina in servitude;
14Qui de’ felici è tutto, anche la gloria.



Note

  1. [p. 398 modifica]Per la deliberazione presa a quei giorni dal Comune di Firenze di abolire la commemorazione dei morti nel combattimento di Curtatone e Montanara l’anno 1848 e di onorare solennemente soltanto il 28 di luglio e la memoria di Carlo Alberto, la prima e la più nobile tra le vittime della rivoluzione italiana.