Lezioni di eloquenza/Lezione I/Capitolo I

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../

../Capitolo II IncludiIntestazione 7 giugno 2016 100% Da definire

Lezione I Lezione I - Capitolo II
[p. 89 modifica]

CAPITOLO I.


La letteratura è annessa alle facoltà naturali.


I. L’uomo è dotato di facoltà mentali, le quali non si possono pienamente esercitare se non per mezzo della parola. II. L’esercizio delle facoltà mentali ha per impulso primo, unico e perpetuo il sentimento del piacere e del dolore. III. Questo sentimento mira al passato, al predente ed al futuro. IV. Questa comprensione di tempo deriva da tre facoltà: la memoria, il desiderio e la fantasia. V. Queste facoltà sono equilibrate nelle loro azioni, [p. 90 modifica]e dirette dalla facoltà di paragonare, di sperimentare e di calcolare, che da noi chiamasi comunemente ragione. VI. La ragione è tanto più operosa, vigorosa, utile ed esatta, quanto più sono forti, operose e ricche le tre altre facoltà di ricordarsi, di desiderare, d’immaginare, così all’opposto. VII. L’uomo dotato di queste tre facoltà in sommo grado, e in sommo grado bilanciate dal calcolo della ragione, è solo atto alla grande e bella, ed utile letteratura, perchè solo potrà esercitarla valendosi pienamente dell’uso della parola.

Da questo primo capitolo emerge: I. che senza queste doti non si può essere degnamente letterato: II. che chiunque a cui mancano queste doti non conseguirà se non la pedestre, inutile, e venale letteratura.