Lu tempu

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
gallurese

Gavino Pes XVIII secolo L letteratura letteratura Lu tempu Intestazione 11 settembre 2008 75% letteratura

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 
Palchì no torri, dì, tempu passatu?
Palchì no torri, dì, tempu paldutu?

Torra alta volta, torra a fatti méu,
Tempu impultanti, tempu priziosu,
Tempu, chi vali tantu cant'è Deu,
Par un cori ben fattu e viltuósu.
Troppu a distempu, tempu caru, arreu
A cunnisciti. Oh, pesu aguniosu...
Cant'utilosu mi saristi statu,
tempu, haenditi a tempu cunnisciutu!

Tempu, chi in unu cuntinu muimentu
poni tutta la tò stabilitai,
chi la tò chiettù, lu tò assentu
cunsisti in no istà chiettu mai.
Rintruxedi pal me ch'era ditentu,
candu passesti, in un sonnu grai:
Ah! si turrai, tempu mal passatu,
chi bè chi t'aarìa ripaltutu!

Tempu, chi sempri in ghjusta prupulzioni,
di lu tò motu in ghjuru andi la sfera,
N'agghj di me, ti precu, cumpassioni,
Ritorrami a prinzipiu di carrera;
Di l'anni mei l'ultima stasgioni
Cunveltil'alta 'olta in primaera.
L'esse lu ch'era a me sarà nicatu,
Ch'insensibili tanti hani uttinutu?

L'alburu tristu senza fiori e frondi,
vinutu maggiu, acquista frondi e fiori;
a campu siccu tandu currispondi
un beddu traciu d'allegri culori;
Supelbu salta d'invarru li spondi
Riu ch'è di stìu poaru d'umori:
E l'anticu vigori - rinnuatu
No sarà mai in un omu canutu?

La salpi veccia chidd'antichi spoddi
Lassa, e si vesti di li primi gali;
Da li cìnnari friddi, in chi si scioddi,
Chidda famosa Cedda orientali,
Rinasci, e tantu spiritu rigoddi,
Ch'agili comu prima batti l'ali:
E l'animu immultali rifulmatu
No vi darà lu sò colpu abbattutu?

La notti è pal viné, la dì s'imbruna
Candu lu soli mori in Occidenti;
A luci poi torra tutt'in una
Candu rinasci allegru in orienti:
E la sureddha, la candida luna,
Da li mancanti torra a li criscenti:
E un omu cadenti in chiddu statu
No de' turrà, da undi è dicadutu?

Tempu disprizziatu, torra abali,
Ch'aggiu di ca sé tu cunniscimentu;
Torra oggi, chi cunnoscu cantu vali
Chi pruarè tutt'altu trattamentu.
Ah! D'aeti trattatu tantu mali,
Non possu ditti cantu mi ni pentu...
Cunniscimentu, a cantu sé taldatu?
A passi troppu lenti sei vinutu!

Non timì tempu caru, d'impliatti
In falsi e bassi imaginazioni,
In chimeri, in dilirj, in disbaratti,
Mutivi di la me' paldizïoni.
In fa' teli di ragni, o in chiddi fatti
cuntrarj a lu bon sinnu, a la raxoni:
Aggi cumpassioni, tempu amatu,
D'un cori afflittu, confusu e pintutu.

Di dugna stanti toiu apprufittà
Voddu, senza passacci ora oziosa:
Né pensu più palditti in cilibrà
Li grazii, li primori d'una rosa,
Ch'in brei in brei a cunniscì si dà
Cantu è vana, caduca e ispinosa.
Dulurosa mimoria, ch'ispuddhatu
M'hai di gusti, e di peni 'istutu!

Si cuminciàa di nou a viì,
Dia usà diffarenti ecunumia:
Né palticula mancu di la dì,
Senza imprialla bè', passacci dia:
Chi ben pruistu, innanzi di murì,
Pa l'ultimu 'iagghju mi sarìa.
Oh, alligria! Oh tre volti biatu,
tempu, candu da te fussi attindutu!

Palchì non torri, dì, tempu passaddu?
Palchì non torri, dì, tempu palduddu?

Traduzione


Dì, perché non torni, tempo passato?
Dì, perché non torni, tempo perduto?

Ritorna un'altra volta e torna a farti mio,
tempo importante, tempo prezioso,
tempo che vali tanto quanto Dio,
per un cuore ben fatto e virtuoso.
Troppo tardi, tempo caro, arrivo
a conoscerti (oh, peso di agonia!).
Quanto utile mi saresti stato,
tempo, avendoti conosciuto in tempo!

(...)