Ma che me n'importe a me che je so' bella

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
M

canti cantastoria Ma che me n'importe a me che je so' bella Intestazione 11 settembre 2008 75% canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Ma che me n’importe a me che je so’ bella
marìteme è pastore e nen se n’arvena
se n’arvena ’na vodde e la settimana
s’ha messe ammunte a muscoli pezzuna.

2Arevié marite mé arevié lu lette
ca te so’ messe li fresca lenzola.

3Vattene moglia mé ca nen ce pozzo venire
ca so’ lassate la pecura sola.

4Vattene marite mé vattene pure
ca li compagni tua so’ li muntuna.

5Vattene marite mé vattene preste
ca don Ciccille aspette a fianche destre.

6Vattene marite mé valle a ’bbajare
ca te sì ’ngaggiate ’nu fije capurale.

7Ma che me n’importe a me ca so’ cornute
baste che mangie e beve e vaje vestute.

Traduzione

Ma cosa importa a me di essere bella,
mio marito è un pastore e non ritorna
ritorna una volta a settimana
si è messo intorno ai polpacci delle pezze.

Ritorna marito mio, torna a letto
che ti ho preparato le lenzuola fresche.

Vattene moglie mia, che non ci posso venire
perchè ho lasciato le pecore sole

Vattene marito mio, vattene pure
perchè i tuoi compagni sono i montoni

Vattene marito mio, vattene presto
perchè don Ciccillo mi attende al suo fianco destro

Vattene marito mio, vai a millantare
che hai guadagnato un figlio caporale

Ma cosa mi importa di essere cornuto
mi basta di mangiare e bere e potermi vestire.