Ma va là ti cuntadin

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
milanese

M canti cantastoria Ma va là ti cuntadin Intestazione 11 settembre 2008 75% canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Ma va là ti cuntadin,
ca t' laori nott e dì,
a t' laori dì e nott
per polenta e scigolott.

Ma va là ti cuntadin,
ca t' si semper sensa vin,
a gh'è l'acqua in abbondansa,
tutt al dì t' fa mal la pansa.

Cuntadin a la matina
to su 'l fer e va segar,
e 'l padron co la sua sciora
va nei campi a passegiar.


Traduzione

Ma va' là tu contadino,
che lavori notte e giorno,
tu lavori giorno e notte
per polenta e le cipolle.

Ma dai tu contadino,
che sei sempre senza vino,
c'è l'acqua in abbondanza,
tutto il giorno ti fa male la pancia.

Il contadino alla mattina
raccoglie la sega e va a segare,
mentre il padrone con la sua signora
va nei campi a passeggiare.