Maria (Pellico)

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Silvio Pellico

1837 M Indice:Poesie inedite di Silvio Pellico I.djvu Poesie Letteratura Maria Intestazione 4 settembre 2012 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Poesie inedite (Pellico)


[p. 20 modifica]

MARIA.





Fac ut ardeat cor meum.

(Stab.)



Amo, e sovra il cor mio col nome santo
     Sta del Signor quel d’una Donna impresso:
     3Quel della Vergin che a Lui siede accanto!

Quel di Colei che gloria è del suo sesso!
     Quel di Colei ch’anima avea sì bella,
     6Ch’a sue cure Dio volle esser commesso!

E bambin s’appendeva a sua mammella,
     Ed ha i merti di lei co’ suoi contesti,
     9E l’alzò dov’è a noi propizia stella!

[p. 21 modifica]

Salve, o Maria! Tu con Gesù stringesti
     Fra le tue braccia tutti noi mortali;
     12Tu per fratello il Redentor ne desti.

Su me pur, su me pur tue celestiali
     Pupille scintillaron di materna
     15Pietà ineffabil, sin da’ miei natali.

E a quel Figliuol che terra e ciel governa
     Per me chiedesti e vai chiedendo aïta,
     18Sì, ch’io pur giunga alla sua pace eterna.

Ne’ giorni più infelici di mia vita
     L’invisibil tua man mi terse il pianto;
     21Ognor t’han miei rimorsi impietosita.

Amo, e sovra il cor mio porto col santo
     Nome di Dio quel di Maria stampato!
     24Quel della Donna che a Lui siede accanto!

Della Madre che il Figlio ha per me dato!


Poesie inedite deco.png