Mirando il volto, ove le nubi, e 'l fuoco

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Filippo Leers

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Mirando il volto, ove le nubi, e ‘l fuoco Intestazione 21 dicembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Filippo Leers


[p. 224 modifica]

XII


Mirando il volto, ove le nubi, e ’l fuoco
     Porta lo sdegno, e i rai copre d’oscuro,
     Scritto vi leggo aspro decreto, e duro
     Che dice: fuggi, o tu morrai fra poco.
5Lasso, e lungi da lor non trovo loco,
     Ch’eglino il Sol della mia vita furo,
     Ond'il viver senz’essi omai non curo,
     E morte chiamo, e per gridar son roco
Vaghe luci omicide, altro conforto,
     10Poichè il mirarvi, e lo star lungi ancora
     M’uccide, altra speranza al cor non porto,
Se non è gran mercede a chi v’adora,
     Che l’armi elegga, ond’ei debb’esser morto,
     Piacciavi, ch’io vi guardi, e poi ch’io mora.