Myricae/Dialogo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Dialogo

../L'ultima passeggiata ../Nozze IncludiIntestazione 19 giugno 2012 100% Poesie

L'ultima passeggiata Nozze
[p. 81 modifica]

DIALOGO




Scilp: i passeri neri su lo spalto
corrono, molleggiando. Il terren sollo
rade la rondine e vanisce in alto:

vitt... videvitt. Per gli uni il casolare,
5l’aia, il pagliaio con l’aereo stollo;
ma per l’altra il suo cielo ed il suo mare.

Questa, se gli olmi ingiallano la frasca,
cerca i palmizi di Gerusalemme:
quelli, allor che la foglia ultima casca,
10restano ad aspettar le prime gemme.

Dib dib bilp bilp: e per le nebbie rare,
quando alla prima languida dolciura
l’olmo già sogna di rigermogliare,

lasciano a branchi la città sonora
15e vanno, come per la mietitura,
alla campagna, dove si lavora.

[p. 82 modifica]

Dopo sementa, presso l’abituro
il casereccio passero rimane;
e dal pagliaio, dentro il cielo oscuro
20saluta le migranti oche lontane.

Fischia un grecale gelido, che rade:
copre un tendone i monti solitari:
a notte il vento rugge, urla: poi cade.

E tutto è bianco e tacito al mattino:
25nuovo: e dai bianchi e muti casolari
il fumo sbalza, qua e là, turchino.

La neve! (Videvitt: la neve? il gelo?
               ei di voi, rondini, ride:
               bianco in terra, nero in cielo
               30v’è di voi chi vide... vide... videvitt?)

La neve! Allora poi che il cibo manca,
alla città dai mille campanili
scendono, alla città fumida e bianca;

a mendicare. Dalla lor grondaia
35spìano nelle chiostre e nei cortili
la granata o il grembiul della massaia.

Tornano quindi ai campi, a seminare
veccia e saggina coi villani scalzi,
e — videvitt — venuta d’oltremare
40trovano te, che scivoli, che sbalzi,

rondine, e canti; ma non sai la gioia
scilp — della neve, il giorno che dimoia.