Myricae/Nozze

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Nozze

../Dialogo ../Le gioie del poeta IncludiIntestazione 22 giugno 2012 100% Poesie

Dialogo Le gioie del poeta
[p. 83 modifica]

NOZZE



a G. V.


Dava moglie la Rana al suo figliolo.
Or con la pace vostra, o raganelle,
il suon lo chiese ad un cantor del brolo.

Egli cantò: la cobbola giuliva
parve un picchierellar trito di stelle5
nel ciel di sera, che ne tintinniva.

Le campagne addolcì quel tintinnìo
e i neri boschi fumiganti d’oro.
τιὸ τιὸ τιὸ τιὸ τιὸ τιὸ τιὸ τιό.
τοροτοροτοροτοροτίξ.10
τοροτοροτοροτορολιλιλίξ.

È notte: ancora in un albor di neve
sale quest’inno come uno zampillo;
quando la Rana chiede, quanto deve;

[p. 84 modifica]


15se quattro chioccioline, o qualche foglia
d’appio, o voglia un mazzuolo di serpillo
o voglia un paio di bachi, o ciò che voglia.

Oh! rispos’egli: nulla al Rosignolo,
nulla tu devi delle sue cantate:
20ei l’ha per nulla e dà per nulla: solo,
sì l’ascoltate e poi non gracidate.

Al lume della luna ogni ranocchia
gracidò: Quanta spocchia, quanta spocchia!