Myricae/Elegie/Agonia di madre

Da Wikisource.
< Myricae‎ | Elegie
Jump to navigation Jump to search
../L'anello

../Lapide IncludiIntestazione 24 giugno 2012 100% Poesie

Elegie - L'anello Elegie - Lapide
[p. 109 modifica]

V


Agonia di madre



Muore. Sfugge alla morta pupilla
     già il bimbo che geme al suo piede:
ode un suono lontano di squilla:
     4son due... gli occhi, grave, apre: vede.

Uno piange, ma l’altro sorride
     d’un bianco sorriso di cieco.
Ella guarda, ella pensa: lo vide
     8così: quando? e ha come l’eco

[p. 110 modifica]


d’un gran pianto nel cuore, la traccia
     di lagrime morte negli occhi.
Ah! ricordano un peso le braccia,
     12ricordano un peso i ginocchi,

grave. Due sono i bimbi: uno piange;
     ma dorme il più piccolo ancora:
ella versa dal cuor che si frange
     16le lagrime d’ora e d’allora.

— Dormi, o angelo — o angelo, déstati,
     déstati — mormora il cuore.
Tra la culla e una bara s’arresta
     20la mano sua, rigida. Muore.

Il suo primo, il suo morto, è sparito
     con lei che nell’ombra lo reca:
piange l’altro; ella n’ode il vagito
     24col bianco stupore di cieca.