Nè per l'auree sue piume altero splende

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Alessandro Pegolotti

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Nè per l’auree sue piume altero splende Intestazione 24 novembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Alessandro Pegolotti


[p. 331 modifica]

X1


Nè per l’auree sue piume altero splende,
     Nè per l’Arabe selve avvien, ch’ei vole
     Quell’Augello dell’ali uniche e sole,
     Che sol nel nome oggi immortal si rende
5Non fa di aromi il rogo, e non l’accende
     Col dibatter sè stesso incontro al Sole,

[p. 332 modifica]

     Nè di sè stesso e genitore, e prole,
     Dalle ceneri sue vita riprende.
Ben’egli è ver, che lieta oggi ten vai,
     10Ninfa, all’alta tua Croce, e il cuorvi lasci,
     E spine raggruppando il rogo or fai.
E che ogni pompa avviluppata in fasci
     Sopra lui stendi, e d’un gran Sole a’ rai
     Muori intrepida al Mondo, e al Ciel rinasci.


Note

  1. Per una Monaca.