Nel cupo sen di quella orribil fossa

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giovanni Bartolomeo Casaregi

N Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Nel cupo sen di quella orribil fossa Intestazione 25 settembre 2017 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri


[p. 98 modifica]

IX


Nel cupo sen di quella orribili fossa,
     Che fia del corso mio termine e centro,
     Con questa spoglia fral di spirto scossa
     Per mezzo del pensier talora io entro.
5Già sciorsi e imputridir mie membra ed ossa
     Fra vermi io veggio, e già mi scarne e sventro;,
     Già in polvere mi struggo, oh fiera possa
     Del tempo! e nel mio Nulla al fin rientro.
Tetro silenzio, insopportabil lezzo,
     10Perpetua notte, eterno obblìo profondo
     Stan laggiù meco, e nausea orror disprezzo:
Ma il pensiero, allor ch’io più mi profondo,
     A sì funeste idee non bene avvezzo,
     Mi lascia, e ai primi inganni io torno al Mondo