Noi arditi/Definizione

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Definizione

../Noi teppisti IncludiIntestazione 2 novembre 2017 100% Da definire

Noi teppisti
[p. 63 modifica]

Definizione.

Dall’ardire e dall’ardore è nato l’Ardito.

Qualcuno l’ha voluto definire un romantico della nuova Italia. Qualcun altro ha visto in lui lo spirito garibaldino con altra divisa. Altri vi ha trovato elementi di guasconismo, ecc. ecc.

Tenterò anch’io una definizione, che riassuma le impressioni che ho sparso in queste pagine.

Io vedo negli Arditi il trionfo di una giovinezza modernissima e italianissima, non guasta da scetticismi e da esperienze roditrici. L’esplosione di una razza degli istinti potenti: muscoli [p. 64 modifica]poderosi fasciati di nervi vibranti, intelligenza spregiudicata e acuminata, cuore e vene traboccanti, fegato e stomaco sanissimi, desiderio inesausto di marciare in testa: dovunque si vada, qualunque pericolo ci attenda.

L’Ardito è agile, veloce, impetuoso e odia tutto ciò che è lento, stanco, sfiduciato, pesante.

E poichè queste sono anche le caratteristiche del Futurista, io credo di non sbagliare definendo l’Ardito «il futurista della guerra», così come il futurista si può definire «l’ardito delle battaglie artistiche e politiche».

So che la definizione darà fastidio a molta gente. Non so che farci. Sta di fatto che i futuristi si sono battuti quasi tutti fra gli Arditi, e che moltissimi Arditi si sono iscritti al Partito Futurista.