Non più, Nice, qual pria, da quel momento

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pietro Metastasio

N Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Non più, Nice, qual pria da quel momento Intestazione 9 novembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Pietro Metastasio


[p. 286 modifica]

X1


Non più, Nice, qual pria, da quel momento
     Ch’io ti vidi, e t’amai, penso e ragiono:
     Già sprezzator d’ogni grandezza, or sento
     Ch’odio il destin, perchè negommi un trono
5Per cento (il so) serve provincie e cento
     Miglior non diverrei di quel che or sono;
     Ma un impero io potrei (che bel contento!)
     Offrirti allor, cara mia Fiamma, in dono.
Ah del mio cuore almen, del mio pensiero
     10L’impero accetta, e non mirar, ch’ei sia
     Troppo scarso per te povero impero;
Che se fosse real la sorte mia,
     Avresti allor più vasto regno, è vero:
     Ma più tuo, ma più fido ei non sarìa.


Testi correlati


Note

  1. Desiderio affettuoso.