Notizie sulla Guerra della Indipendenza d'Italia (Monitore Toscano)/Proclama alle Truppe 1 giugno 1859 (Vittorio Emanuele II)

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Vittorio Emanuele II di Savoia

Proclama alle Truppe 1 giugno 1859 ../Proclama alle Truppe 31 maggio 1859 (Vittorio Emanuele II) ../Proclama 8 giugno 1859 (Napoleone III) IncludiIntestazione 20 maggio 2011 100% Storia

Proclama alle Truppe 31 maggio 1859 (Vittorio Emanuele II) Proclama 8 giugno 1859 (Napoleone III)
[p. 128 modifica]
N. XVI.
Monit. N. 134

Torino 1 giugno

Dal quartier generale al Torrione.

Proclama alle Truppe. – Soldati! Oggi un nuovo e splendido fatto di armi è stato segnalato da novella vittoria. Il nemico ci attaccava vigorosamente nelle posizioni di Palestro. Portando poderose forze contro la nostra destra, tendeva ad impedire la giunzione delle nostre colle truppe del maresciallo Canrobert. L’istante era supremo. Di gran lunga inferiori in numero all’avversario erano le nostre schiere. Ma stavano a fronte degli assalitori le valorose truppe della 4ª divisione, guidate dal generale Cialdini, e l’impareggiabile 3° reggimento dei Zuavi, il quale, operando in questo giorno coll’esercito sardo, possentemente contribuiva alla vittoria. Micidiale fu la mischia. Ma alla perfine le truppe alleate respinsero il nemico dopo avergli fatto toccare gravissime perdite, fra le quali un generale e parecchi uffiziali.

A mille circa sommano i prigionieri austriaci. Otto cannoni furono presi alla baionetta, 5 dai Zuavi, 3 dai nostri.

Nello stesso mentre in cui avveniva il [p. 129 modifica]combattimento di Palestro, il generale Fanti con pari successo respingeva colle truppe della 2ª divisione un altro attacco diretto dagli Austriaci sopra Confienza.

S. M. l’Imperatore, nel visitare il campo di battaglia, esprimeva le sue più sentite congratulazioni, ed apprezzava l’immenso vantaggio di questa giornata.

Soldati! – Perseverate in questi vostri sublimi propositi ed io vi assicuro che il Cielo coronerà la vostra opera così coraggiosamente iniziata.

Vittorio Emanuele