Novella IX della Giornata I del Decamerone. Moena

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
ladino

Andrea Sommavilla N Novella IX della Giornata I del Decamerone . Moena. Intestazione 7 maggio 2016 50% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Novella IX della Giornata I del Decamerone. Moèna

Giö die dunque, che al temp del prim Re de Cipro dopo che l' è stat ciapà la Terra Santa da Gottifrè di Buglione, l' è succedù che una femena civile de Guascogna la è sita per devozion al Sepolcro, e canche la tornava, arrivada che la è stata a Cipro, la è stata da valgugn bricogn villanamente enzuriada: e per chest ella zenza poter più troàr pas seghitando a lamentarze, l' ha penzà de sirzene a portar le zoe proteste d' avant dal Re; ma ge è stat dit da valgugn che chest zaroe perder la fadìa per nìa, perchè l' era 'n Re sì debol e fiach e gen portava si pöch dell' onor, che non zolament no 'l zen curava de vendicar le offese dei autrez, ma 'l ne zopportava de ogni zort con vergognaza viltà encie de chelle che i ge avea fat zoffrir a el en stez; e che anzi chiunque avea ricevù calche tort, con calche ingiuria e svergognada, el ze lo sfogava zora del Re. Chella pere femena canche l' ha zentù così, desperada de poder aver vendetta o calche sollievo alla soa passion, l' ha rezolt de voler zir a enzuriar la villiaccheria de sto Re. La è zensita dunque davant da el, piansand, e l' ha dit: "Signor mio, giö non vegne alla toa presenza per vendicazion che giö me aspette dell' offesa che m' è stat fat, ma per soddisfazion de sta offesa te pree che tu me 'nzegne come tu faz a zopportar chelle che come zente te vegn fat a ti, perchè pozze 'nparar da ti a zopportar pazientemente la mia, che giö (el Zegnoredio lo za) ze de mo podezze farlo, cotant volentiera che te la zederìa a ti, sacchè tu ez en si bon portador."

El Re, che fin allora l' era stat trascurà e pègher, come ze el ze fozze allora dessedà da dormir, scomenzando dalla offesa fatta a sta femena, che punì con gran severità, l' è deventà un severissimo persecutor contro ognun, da allora 'n poi avezze fat valch contro l' onor della zoa corona.