Novelle (Bandello, 1853, II)/Parte II/Novella V

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Novella V - Fabio romano è da Emilia per gelosia ammazzato, acciò che un’altra per moglie non pigliasse: ed ella sovra di lui subito s’uccide
Parte II - Novella IV Parte II - Novella VI

[p. 215 modifica]soavemente aprì la finestra. Fra Francesco che stava in guisa di gatta che al buco se ne stia per gremir il topo, come vide il balcone aperto e già il giovine su quello, con due mani gagliardissimamente gli tirò un colpo di spiedo e colselo diritto ne la gola sotto il mento e passollo di banda in banda dietro ne la coppa. Cadette il misero giovine morto sovra il compagno e quello seco a terra fe’ cadere, che si ruppe sovra il mattonato de la callisella una coscia. Fra Francesco sentito i nemici esser a terra rovinati, al letto s’accostò ove ancora Cassandra dormiva, e con un rasoio che recato aveva, le tagliò via il naso, e poi le fece un lavoro a la moresca col rasoio sul volto, e lei gridante mercè mezza morta e difformata lasciò. Uscito poi di camera, di casa si partì, e quella notte medesima di Vinegia, lasciando i nemici suoi chi morto ed altri peggio che morti. E questi, signori miei, sono dei guadagni che si fanno amando simili donne. E questa povera Cassandra per le ricevute ferite in tre giorni se ne morì.


Il Bandello al magnifico messer Giovangiacomo Calandra salute


Essendosi questa state, per fuggir gli intensi caldi che in Mantova a sì fatta stagione per lo stagnar de l’acque si sentono, la gloriosa eroina nostra commune padrona, la signora Isabella da Este marchesa di Mantova, ritratta ne la ròcca de la Cavriana ove suole la state esser la stanza fredda non che fresca, ed ivi diportandosi come è suo costume, ora leggendo, ora disputando, ora sentendo dolcissimi musici cantar e sonare, ed ora altri piacevoli ed onesti giuochi facendo, il nobilissimo ed in ogni sorte di lettere dottissimo, il nostro messer Paris Ceresaro un giorno vi si ritrovò, ed a la presenza di tutti narrò un pietoso e fiero caso a Roma avvenuto in quei dì; il quale da voi udito, fu cagione che voi componeste e gentilmente ventilaste molte belle questioni amorose e in un libretto in prosa volgare riduceste. Il caso a Roma occorso ho io puntualmente scritto, avendolo due e tre volte dal detto messer Paris sentito narrare. Pensando poi a cui dar lo devessi, voi mi sète occorso a cui meritevolmente si deve, essendo egli stato cagione di farvi sì [p. 216 modifica]leggiadra operetta comporre. Ecco adunque che a voi lo mando, sì per quello che ho detto, come anco perchè' 'appo voi sia pegno de l’amor che vi porto. State sano.

Fabio romano è da Emilia per gelosia ammazzato a ciò che un’altra per moglie non pigliasse, ed ella sovra di lui subito s’uccide.


Poco dapoi che Giulio secondo sommo pontefice ebbe fuor di Bologna i signori Bentivogli cacciato, avvenne che un giovine in Roma, che aveva padre molto ricco ed era unigenito, s’innamorò d’una figliuola d’un altro cittadino romano che era di fazione contraria a la sua ed oltra questo aveva particolar nemicizia con suo padre. Ma non avendo Fabio, – chè così il giovine si chiamava, – riguardo a la nemicizia che era tra i parenti loro, aperse in tutto il petto a queste fiamme ed attendeva tutto il dì, quando poteva, a vagheggiar la fanciulla, che Emilia si diceva, la quale era una de le belle figliuole di Roma. Ella accortasi che Fabio le faceva la ruota, gli pose gli occhi a dosso e cominciò assai fervidamente ad amarlo. E perchè di rado avviene che dove le parti s’accordano non segua effetto uniforme al voler loro, dopo alquanti mesi per mezzo de la nutrice che aveva Emilia fin da le fasce e da la culla nodrita e governata, i dui amanti si ritrovarono insieme ne la camera ove Emilia dormiva. Quivi s’abbracciarono più di mille volte ed imitando le colombe affettuosamente si basciarono. Ma volendo Fabio più innanzi andare e por le mani a le parti che la natura c’insegna celare, ella in questo modo gli disse: – Signor mio, più da me che la luce degli occhi miei amato, io sono stata contenta che tu fin qui sia venuto, non perchè una o due volte meco solamente ti ritrovi, ma a ciò che sempre possiamo insieme vivere. Non ho io cominciato, signor mio, ad amarti per un anno o dui ma t’amo per esser, se tu vuoi, eternamente tua. Il perchè se tu, come il debito vuole, sei di quest’animo, dammi la fede tua qui a la presenza de la mia nutrice, che mai altra moglie che me non prenderai, con ciò sia ch’io altro marito mai non intenda d’avere. Altrimenti più di quello che da me avuto hai non sperare, e per la via che venuto sei torna indietro. – Fabio che de l’ardenti fiamme amorose era acceso, ed altro non disiava se non goder tutta la vita sua con colei che più che se stesso amava, così le rispose: – Cor del corpo mio ed unico sostenimento de la vita mia, come [p. 217 modifica]non potrei io voler ciò che tu vuoi, se volendo tu la morte mia, io sarei astretto volerla? Il perchè prima dinanzi a questa imagine che la Vergine Maria e il suo figliuolo Giesu Cristo ci rappresenta, e poi a la presenza de la tua nutrice io t’impegno la fede mia che mai altra donna che te prenderò per moglie, e per più sicurezza tua, se ti piace, adesso ti sposerò. – Piacendo molto questo ad Emilia, egli la sposò, e poi si misero a letto ove il rimanente de la notte con gran piacere insiememente se ne dimorarono, prendendo più volte l’un de l’altro amoroso piacere. Innanzi l’alba poi Fabio si partì riputandosi il più contento amante che mai fosse. Stettero i dui amanti più d’un anno godendosi molto spesso, e mai impedimento alcuno non ebbero. Ora volle il padre di Fabio darli moglie; ma egli non la voleva intendere, pregando il padre che a questo nol volesse astringere. Il padre che si vedeva vecchio ed averebbe voluto innanzi la morte sua veder il figliuol maritato, lo fece per via di alcuni parenti ed amici essortare a far quanto egli voleva. Ma veggendo che Fabio non dava orecchie a persona, scusandosi che era ancor troppo giovine, lo domandò un dì a parte e in questo modo gli parlò: – Fabio, tu vedi che io son per passar da la vecchiaia a la decrepità e che omai posso poco più vivere. Fa che io mi parta contento dei casi tuoi, il che sarà se tu prenderai quella moglie che io t’ho trovato, bella, nobile e ricca. E quando forse quella che io fra molte scielta ti ho non ti piaccia, dimmi liberamente l’animo tuo, chè un’altra si troverà che sia di tuo sodisfacimento. – Fabio udendo ragionare in questa forma il padre, quasi piangendo rispose: – L’animo mio era di non legarmi a nodo maritale così tosto, essendo ancora troppo giovine; ma poi che voi così volete io non vo’ altra moglie che Emilia figliuola di Niccolò Crescenzi. – Quando il padre sentì ricordar il suo capitale e mortalissimo nemico, tutto d’ira s’infiammòe disse: – Pensa ad altro, Fabio, e non credere che io voglia in casa mia la figliuola del maggior nemico che io al mondo abbia. E per non star tutto il dì in questi fastidii, io ti dico per ultima risoluzione che tu ti deliberi prender moglie quale gli amici e parenti nostri meco ti daranno, altrimenti io mi ritroverò erede a modo mio, chè sai che io ho ricomperato tutta la roba che era al fisco e ne posso disporre come mi piace. A me non mancheranno figliuoli, se tu disubidiente mi sarai. Va e pensa bene ai casi tuoi e fra dui dì a la più lunga dammi risoluta risposta. – Aveva già Emilia qualche cosa di questo inteso e con lagrime sugli occhi a Fabio la data fede e il marital anello ricordato. Fabio poi che intieramente [p. 218 modifica]ebbe conosciuto la mente del padre, la notte che seguì andò a ritrovar la sua Emilia e le parole che tra il padre e lui erano occorse tutte le disse. Disputarono insieme pur assai di quanto far si deveva, cercando dei dui mali elegger il minore. Ed avendo sovra questo lungamente questionato, pregò Fabio la sua Emilia che si volesse acquietare, dicendole: – Anima mia, io ho senza fine pensato sovra il caso nostro, per veder di ritrovar qualche mezzo che mio padre non mi molestasse, ma permettesse ch’io me ne vivessi come fatto ho fin al presente; ma egli sta ostinato in voler per ogni modo ch’io prenda per moglie quella che egli, gli amici e parenti nostri mi daranno. Io son più tosto presto di morire che di mancar de la mia fede. Ben è vero che carissimo mi sarebbe, non rompendo a te la data parola, a mio padre sodisfare. Il perchè io vorrei che tu fussi contenta che con tua buona grazia io quella donna sposassi che egli mi darà. Per questo tu non perderai cosa alcuna, perciò che io sempre che ci sarà la comodità verrò a giacermi teco, e quella che mi sarà per moglie data io lascerò sola a casa dimorarsi. Mio padre è vecchio e non può omai longamente molto campare: come egli sia morto, io quella che ora prenderò, col veleno mi leverò dinanzi agli occhi, e te poi pubblicamente sposerò. Altrimenti egli minaccia, non pigliando quella che dar mi vuole, di eseredarmi. Parlargli di te è gettar via parole. – Emilia udendo questi parlari, dirottamente piangeva. Onde egli' 'recatosela in braccio e più di mille volte abbracciatola e basciatola, dolcemente le diceva: – Chè piangi, vita mia? Sta di buona voglia, chè Fabio sempre sarà tuo. Deh, unico mio bene e vivo sangue de le mie vitali vene, non t’affliggere oramai più, chè con questo lagrimar tu m’uccidi. – Ella alla fine, da mille singhiozzi impedita, con parole interrotte così a l’amante rispose: – Se tu hai deliberato, unico mio signore e cor del mio core, per sodisfar a tuo padre sposare un’altra donna, prima che tu de la promessa a me fatta manchi, tu mi passerai per mezzo il petto il core col tuo pugnale e poi farai quanto più t’aggradirà. Questo ti dico perciò che a me si fa impossibile creder che io potessi viver già mai, se tu d’altra donna divenissi sposo. – Le parole furono assai e quasi tutta la notte altro non fecero che questionar su questa cosa. Ma che ella fosse contenta che egli un’altra ne sposasse, non puotè ottener già mai. Parlò anco assai Fabio con la nutrice, dimostrandole il termine a che era col padre, e che non gli compiacendo perdeva l’eredità, e che non sapeva se mai il padre di Emilia si fosse contentato di dargliela; che quando il suo fosse morto, [p. 219 modifica]egli aveva roba assai, e che assicurasse Emilia che quella che egli sposerebbe, faria in breve morire. Ora partito che egli fu, fece intendere al padre come era presto per ubidirli. Lieto di tal risposta il buon vecchio, fatti invitar i parenti ed amici, fece che Fabio sposò quella che prima gli aveva proposta. La voce si sparse quel dì medesimo per Roma. Il che udendo, Emilia fu per morire; ma deliberata non morir sola, mandò pregando Fabio che quella notte a lei n’andasse. Egli a la consueta ora v’andò e trovolla che amaramente piangeva. Si sforzò assai a la meglio che seppe consolarla, affermandole con santissimi giuramenti che in breve farebbe morir con veleno, o per altra via, quella che sposata aveva. Parve che la giovane alquanto s’acquetasse, onde si messero al letto ove, dopo che insieme amorosamente ebbero più volte presi l’un de l’altro quei piaceri che tanto si ricercano, Fabio da alto sonno oppresso, a dormire cominciò. Il che veggendo Emilia, perciò che in camera ardeva una lampada, leggermente al suo amante il petto scoperse, e preso un pugnale che Fabio recato aveva, quello sì fattamente nel core gli fece penetrare che egli subito morì. Fatto questo, risvegliò la nutrice che a basso del letto dormiva, la quale veggendo Fabio morto ed Emilia col sanguinolente pugnal in mano, volle gridare. Ma Emilia la ritenne e con viso rigido e senza lagrime così le parlò: – Tu sai, nutrice mia, che quanto bene io aveva al mondo era questo sleal amante: ch’io fossi sua moglie tu sai sì bene com’io. Ma non avendo egli riguardo a tanto amore quanto io gli portava, e meno al marital anello che mi diede, ha avuto ardire di sposar un’altra. Il che quando io intesi, non so perchè di doglia non morissi. Ma in vita mi tenni per far di lui e di me ad un tratto vendetta. Io chiaramente conosceva che impossibile stato mi saria di vivere e vedere che altra donna l’avesse posseduto, onde per non morir mille volte l’ora, ho eletto per meglio morire, una sol volta finir i miei guai. Ma perciò che restando egli in vita, io con quel dispiacere morta sarei che fosse d’altra stato e non mio, come vedi, l’ho ucciso. Resta che animosamente lo segua. – Dir queste ultime parole e darsi nel petto col pugnale che ancora sangue stillava, fu tutto uno. Ella si passò sotto la sinistra poppa, e morta subito sovra il morto amante cadette. La sconsolata nutrice cominciò ad alta voce a far le maggior strida che mai forsennata donna facesse. Corse il padre de la sventurata Emilia al romore, corsero tutti quei di casa, uomini e donne, e veduto l’orrendo spettacolo, facevano di pianti, di gemiti e d’ululati tutta la casa [p. 220 modifica]rimbombare. La matina, il padre di Fabio, avuta la crudelissima nuova, quasi morì, e tardi pentito di non aver al figliuolo compiaciuto, senza ricever consolazione alcuna miseramente piangeva.


Il Bandello al magnifico e vertuoso messer Domenico Saulo salute


Il giorno che voi da Genova partiste per andar a Lione, io medesimamente partii per andar a Milano e poi a Roma, e vicino a la porta di san Tomò c’incontrammo e sino a Serravalle sempre andammo di compagnia, cominciando alora la nostra amicizia, la quale fin al presente è durata e durerà con la grazia di Dio tanto che la morte ci divida. Essendo poi indi a molti dì messomi in camino per andar a la corte del re Lodovico, di questo nome duodecimo, che era a Bles, mi ritrovai in Lione, che di poco innanzi eravate venuto d’Inghilterra. Quivi dimorai io cinque o sei dì; ed ancor che i negozii vostri vi tenessero occupato foste sempre meco, e conobbi che negli studii de le buone lettere avevate fatto non poco profitto. Io me n’andai a Bles ove dimorai alcuni mesi; e ritornando a Milano trovai che quivi avevate condutto una casa e attendevate a le cose de la mercadanzia, non interlasciando perciò mai gli studii de le buone lettere e de la filosofia. Vi deste anco a la filosofa platonica ne la quale io molto m’affaticava, avendo trascorso di già quasi tutti i dialogi platonici. Tutto il dì eravamo insieme, di modo che di più in più l’amicizia nostra maggior divenne. Fui dopo io dai venti di contraria fortuna molto crollato, come anca voi i suoi soffiamenti travagliarono assai. Ora tirato da la somma umanità e cortesia del valoroso signor Cesare Fregoso, seco fermato mi sono, essendomi da la sua indicibile cortesia dato il modo che a me stesso ed a le muse vivo. Qui in Verona in casa sua sempre ci sono alloggiati di molti forastieri. Eravi questi dì messer Federico Grimaldo che da Vinegia venuto ci era. E ragionandosi del superbo apparato fatto da’ genovesi a Carlo quinto imperadore e di molte mischie fatte con gli spagnuoli, narrò esso messer Federico una novella a quei dì avvenuta. Onde