Novelle (Bandello, 1910)/Parte I/Novella XXXI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Novella XXXI - Varie proposte e risposte di persone diverse prontamente dette

../Novella XXX ../Novella XXXII IncludiIntestazione 30 novembre 2017 75% Da definire

Novella XXXI - Varie proposte e risposte di persone diverse prontamente dette
Parte I - Novella XXX Parte I - Novella XXXII
[p. 1 modifica]

IL BANDELLO

al magnifico dottor di leggi

messer

antonio maria montemerlo

salute


Aveva in Milano nel suo palazzo in porta Vercellina l’illustrissimo e reverendissimo signor Federico Sanseverino cardinale fatto un sontuoso ed onorato convito a molti gentiluomini, come è costume suo spesse fiate di fare. Dapoi che si fu desinato, si ritirò in camera il cardinale con alcuni nuovamente venuti da Roma. Onde molti di quei gentiluomini ed alcuni cortegiani entrarono a diportarsi nel giardino, che egli ha molto bello e grande. E quivi entrati a ragionar de la prontezza de le risposte a tempo date, messer Amico Taegio, dottor grandissimo e giovine molto gentile, narrò una bellissima risposta di papa Giulio, e dopo lui alcuni altri dissero de l’altre da altri date, le quali avendo io scritte v’ho voluto donare, sapendo quanto voi di queste cosí fatte prontezze vi dilettate; ed anco ve le mando a ciò che piú non diciate che io di voi non mi ricordi. State sano.


NOVELLA XXXI

Varie proposte e risposte di persone diverse prontamente dette.


Giulio secondo pontefice, ancor che di bassissima gente fosse disceso e non si vergognasse spesse fiate dire che egli da Arbizuola, villa del Savonese, avesse con una barchetta piú volte, quando era garzone, menato de le cipolle a vendere a Genova, [p. 2 modifica] fu nondimeno uomo di grandissimo ingegno e di molto elevato spirito, come infinite azioni sue fanno fede. Ma parlando de la prontezza de le risposte, per la quale ci siamo mossi a ragionare, vi dico che la nazione germanica gli porse una supplicazione, che essendo per tutta la Magna la festa di san Martino in gran venerazione e in quel di facendosi di molte feste, che tutti supplicavano che egli degnasse dispensare con tutta la nazione, che se bene il giorno di san Martino veniva in venerdí o sabbato, che si potesse mangiar de la carne, come si costuma il giorno di natale. Il papa veduta la indiscreta domanda di coloro che volevano parangonar la festa d’un santo a colui che fa i santi, non attese a volerglielo negare; ma fattosi dar la penna, sottoscrisse la supplicazione con queste formali parole: — Sia fatto come si domanda, pur che quel di si astengano di ber vino. — Come i tedeschi videro quella segnatura, non sapendo che dirsi, si smossero da tal domanda non volendo perder il vino per mangiar carne. E certamente il papa non poteva far meglior risposta, perciò che avendo voluto dir che non stava bene cd altre ragioni che si potevano dire, ci sarebbe stato da disputare un anno; ma con questa troncò tutto ciò che dir potevano. Fu da tutti gli ascoltanti generalmente la pronta ed artificiosa segnatura di papa Giulio commendata, quando un cameriero del detto cardinale, che era spagnuolo e chiamavasi il Castigliano, cosí disse: — Ancor che io perfettamente non parli italiano, nondimeno ciò che voi dite intendo benissimo ed anco quando parlo sono inteso. Perciò, invitato da la pronta risposta di papa Giulio, vi dico che mio avo, che era stato lungo tempo a Roma, diceva che, essendo la guerra tra Ferrando vecchio re di Napoli e ’l duca Giovanni d’Angiò, venne a Roma la nuova come il duca Giovanni era stato rotto. Onde il cardinale di Amens incontrando il signor Marino Tomacello, che era ambasciator al papa di Ferrando, che andava a palazzo disse: — Che cosa è questa, signor oratore, che avete sparsa per Roma, che il campo francese è stato rotto e messo in fuga? — Io non ho, monsignor, detto questa cosa — rispose Marino, — ma ho ben divolgato che tutti quelli che erano col signor duca d’Angiò sono stati o morti o presi, a ciò che nessuno [p. 3 modifica] potesse fuggire. — Punsero queste parole il cardale, il quale mezzo irato disse: — Marino, Marino, tu sei troppo piú malizioso che a si picciol corpo non conviene, — perché era Marino di picciola statura. Egli alora ridendo, al cardinale che era grande, grosso e grasso, cosí rispose: — E tu, monsignor mio, sei assai men veritevole e giusto di quello che a questa tua grandezza conviene; — onde veggendo il cardinale che nulla guadagnava, entrò in altri ragionamenti. — Parve a tutti che il signor Marino si fosse egregiamente portato e che in tutto egli avesse fatto come fanno i schermitori, che ricevendo botta danno risposta. E non dicendo altro il Castigliano, messer Cola da Venafri, uomo di tempo ed antico cortegiano, disse: — L’aver il nostro cameriero messo in campo Marino Tomacello m’ha fatto sovvenir di Marino Brancazio, il quale era sfrenato de la lingua e mordacissimo, ma tanto nemico dei letterati che mai non gli lasciava vivere. Desinando un giorno il re Ferrando a Poggio reale fuor di Napoli e conoscendo esso Marino esser piú vago di buon vino che di qualunque altra cosa del mondo, gli fece dar una tazza di ottimo greco. Marino non bevette il vino, ma se lo mangiò a poco a poco saporosamente, e con un succiar di labbra votò la tazza.

Domandato poi dal re con qual lingua alora Bacco aveva parlato, rispose: —Con greca dottissima e letteratissima. — Uno degli astanti alora disse: — Che cosa è, Marino, che tu che sei tanto nemico dei letterati facci questo onore a le lettere? — A cui rispose un altro cortegiano: — Non sai che tra pari regna invidia? — Un giovine alora cameriero del re, a cui la vivositá di Marino era notissima, sorridendo disse: — Signori, con riverenza del re, ciò che ora dite non è a proposito, perciò che tra questi letterati alcuno non ci è che al signor Marino sia eguale non che superiore. — Questo tutti quelli ch’ivi erano, con piacer del re, fece assai ridere, denotando che tra i bevitori Marino otteneva il principato. — Poi che messer Cola si tacque, il signor Filippo da Callerate, che era lungo tempo stato a Napoli in corte di quel re di Ragona, disse: — Egli è necessario che io dica due parole del Brancazio, avendolo in campo il nostro messer Cola messo.

Quando il re Carlo ottavo prese il reame di Napoli e che i capitani [p. 4 modifica] abbandonarono Alfonso secondo, che con Ferrando suo figliuolo, Federico suo fratello navigò in Sicilia, molti si meravigliavano che Marino Brancazio essendo lor creato non fosse anco egli ito in Sicilia, e v’era uno che lo biasimava. Il che sentendo il signor Marco Antonio Sanazzaro disse: —Tu stai fresco se tu pensi che il signor Marino Brancazio debbia partirsi. Forse che non è tale il viver suo e tal nel bere e mangiare il suo valore e si fatta la forza del continovare dal matino a la sera i conviti, che egli si debbia spaventare per i fiasconi francesi e dar le spalle ai loro sontuosi banchetti? Tu vederai che egli diverrá il maggiore angioino che sia nel regno. — Intesero tutti il mordace motto e non poco ne risero. — Avendo ciò detto il signor Filippo Gallerate e piú non parlando, il conte Giovanni da Tollentino pigliò la parola e disse: — Questi signori nei lor parlari sono stati a Roma e a Napoli, ed io vo’parlar d’un nostro milanese. Ciascuno di voi o per vista o per fama conobbe il monarca de le leggi, messer Giason Maino, nostro gentiluomo di Milano. Egli na publicamente letto negli Studi primari d’Italia e dei duci di Milano è stato spesso oratore, e di tutte le sue imprese sempre onoratamente è riuscito come colui che nel vero possede molte ottime parli. Ora mandando il duca Lodovico Sforza, duca alora di Bari, madama Bianca, figliuola del duca Galeazzo suo fratello, a marito a Massimigliano eletto imperadore, volle che messer Giasone con molti altri signori e gentiluomini l’accompagnasse. Avvenne che essendo nel lago di Como ebbero una fortuna grandissima, di sorte che furono per annegarsi. Tutti quei signori e cavalieri, mentre che il periglio durò, stavano di malissima voglia per tèma de la morte. L’imperadrice con l’altre dame piangevano e gridavano mercé a Dio. I barcaroli erano mezzi perduti, di modo che non si vedeva altro che imagini di morte. Solamente messer Giasone era quello che di tutti si rideva, e né piú né meno se ne stava come se il lago fosse stato tranquillissimo. Fecero pur tanto i barcaroli che, essendo un poco cessato il vento, si ridussero a Bellano una parte, ed alcune altre barche furono astrette andare a Sorgo, terra quasi nel capo del lago. L’imperadrice [p. 5 modifica] smontò a Bellano, ed avendo ripigliato animo e ragionando* del pericolo grandissimo che avevano corso, domandò a messer Giasone come esser potesse che egli si fosse di cosí perigliosa fortuna beffato senza mai mostrar segno di paura. — Serenissima madama — rispose egli sorridendo, — io era sicuro di non perire, perciò che io so che il cuoco di Cristo non è imbriaco, che quella carne che si deve arrostire egli mettesse a lesso. — Risero tutti de la faceta risposta, con ciò sia che assai chiaro fosse che egli non era molto de le donne vago.

Ma a me giova di credere che egli che era prudentissimo sapesse con viso allegro la paura dissimulare, e che per far rider l’imperadrice desse cosí fatta risposta. — E variamente de le dette novellette ragionandosi, venne l’ora che il cardinale montò a cavallo, e tutti l’andarono ad accompagnare.