Novelle (Bandello, 1910)/Parte II/Novella XXXIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Novella XXXIX - Una donna, stata lungo tempo concubina d’un prete, avuta da quello licenza, s’appicca nella propria camera d’esso prete
Parte II - Novella XXXVIII Parte II - Novella XL
[p. 349 modifica]

IL BANDELLO

al reverendo monsignore

stefano coniolio


Da che voi andaste in Monferrato a casa vostra e che madama Piegosa nostra commune padrona andò a la corte del re cristianissimo, io sempre dimorato sono a la solita stanza di Bassens. Quivi intesi questi di come prete Antonio Bartolomeo chiamato Cascabella fu imprigionato al vescovado, perché avendo, giá circa trenta anni sono, presa moglie e da lei avuti figliuoli, si fece poi ordinar prete, e tuttavia stando con lei, teneva anco una concubina. Vive la moglie, vive il figliuolo legitimo e vive la concubina con alcuni figliuoli generati dal Cascabella. Mi parve il caso molto strano né da me piú ne la Chiesa occidentale udito. Ora il misero renderá conto dei casi suoi. Si ritrovarono qui alcuni dei nostri ufficiali e, varie cose ragionandosi del Cascabella e di molti suoi vizi e maligna natura, messer Bernardo Casanuova disse una novelletta d’un altro prete, avvenuta non è lungo tempo. Onde avendola io scritta, ho voluto mandar- vela e farvene un dono, a ciò che sotto il nome vostro si legga in testimonio de la nostra mutua benevoglienza e di tanti piaceri ricevuti da voi. State sano. NOVELLA XXXIX Una donna slata lungo tempo concubina d’un prete, avuta da quello licenza, s’appicca ne la propria camera d’esso prete. Egli non è da dubitar, signori miei, che tutto ’l di non avvengano degli accidenti ne la materia di cui ragionato avete, ed io ve ne saperei di molti narrare, perciò che tutto il di formo processi di simil materia. E questo avviene ché essendo l’uomo [p. 350 modifica]350 PARTE SECONDA tutto '1 di da le carnali passioni aspramente combattuto, si lascia di leggero da quelle vincere e là va seguitando dove elle lo tirano. Ed ancor che tutte le nostre passioni siano cagione di gran mali, par tuttavia che' quelle de l’amore e de l’odio fac¬ ciano far più strabocchevoli errori, perciò che l’uomo tratto da alcuna falsa apparenza o di vendetta o di piacer carnale si lascia incapestrare e tanto innanzi va che a ritirarsi ci è da far assai. Ma dicendo del prete Cascabella cascato si trascuratamente in tanto errore, io gli ho compassione, perché tutti siamo fragili e sottoposti a le passioni veneree. Ben mi meraviglio che es¬ sendo de l’età che è, mostri si poca contrizione. Sua moglie è disposta a far quello che le sarà ordinato. La concubina pare che abbia poca voglia di far bene, e non so se vorrà imitar quella di prete Elia, come vi narrerò. Io mi son trovato a l’es- saminazione e veggio che egli tuttavia va cercando d’escusar il suo errore, che escusazione non riceve. E questo è che la piaga è infistolita, perché la trista e lunga usanza sua di viver libidinosamente se gli è fatta quasi un’altra natura, di modo che l’abito fatto nel male ora è più potente a ritenerlo nel peccato, che non sono valevoli I’essortazioni a tirarlo al bene. Ed ogni abito con gran difficultà si può levar via. Per questo deverebbe ciascuno che viver voglia cristianamente, se talvolta casca in peccato, cercar incontinente di rilevarsi e non far il callo nel vizio, perché diviene schiavo del peccato e quasi perde la sua libertà, e poi si sottomette al disgoverno de la sua corrotta e viziata natura, che già s’avvezza andar di mal in peggio. Ora volendo dire de la femina del prete Elia, sono quasi divenuto predicatore, come se in questa onorata compagnia fossero alcuni bisognosi de le mie essortazioni. Vi dico adunque che essendo nostro vescovo la buona e santa memoria di monsignor Antonio da la Rovere dei signori di Vinuovo in Italia vicino a Turino, uomo di castigata vita e di dottrina, che prete Elia da Alto Pino era vicario de la parrocchia de la villa di Ameto de la giurisdizione di monsignor di Caumont, diocese agennese. Teneva esso prete una concubina con la quale era perseverato più di nove anni, sempre tenendola in casa come fosse stata sua [p. 351 modifica]NOVELLA XXXIX 351 moglie, de! che ne la villa e circonvicine parecchie ne nasceva scandalo ed assai se ne mormorava. Ma egli punto non curava il dir altrui, anzi perseverando nel concubinato andava di mal in peggio- La consuetudine di monsignor il vescovo era, quando trovava alcuno prete che occoltamente peccasse, quello con umanità. modestia e clemenzia grandissima ritirar al ben fare e levarlo fuor del peccato, correggendolo con amore e carità e con penitenzie segrete, ove il fallo era occolto. Quelli poi i cui peccati erano publici e scandalosi con più severità gastigava e puniva con penitenzie publiche o con l’impregionarsi, usando perciò sempre più misericordia che giustizia, come buon pastore che era, cercando più tosto la vita del delinquente che la morte. Ora intendendo egli la pessima vita di prete Elia, lo fece ci¬ tare innanzi al suo tribunale. Venne il prete ed essendo dal vescovo essaminato, liberamente confessò il suo gravissimo er¬ rore e con umiltà e lagrime ne dimandò perdono. Monsignore, veduta la libera confessione ed il dolore che prete Elia mostrava del suo peccato, promettendo di mandar via la femina e mai più non cader in simil fallo ma viver da buono religioso, gli ebbe compassione, e lasciatolo alquanto di tempo in carcere, con digiuni ed altre penitenzie macerandolo, il fece poi cavare fuora. Venne prete Elia innanzi al vescovo ed ai piedi di quello prostrato domandò di nuovo perdonanza e misericordia. Monsi¬ gnore alora gli disse: — Prete Elia, l’enorme, libidinoso e grave tuo peccato e il lungo tempo che in quello sei vivuto, con lo scandalo dato ai tuoi popolani ed a molti altri, meritava che io ti facessi perpetuamente macerare in una oscurissima prigione con poco pane e poca acqua. Ma veggendo, secondo l’esteriore dimostrazione che fai, che tu hai contrizione de le tue scelera- tezze e che mi prometti levarti fuor di questo fetente fango de la lussuria e più non gli ritornare, ed anco perché ho buo¬ nissimo testimonio che tu governavi bene l’anime a la tua cura commesse, ed ancor che tu vivessi male essortavi nondimeno il popolo a viver catolicamente e riprendevi i vizi, io ho voluto usar teco più di clemenzia che di severità e giustizia. Fa' che tu riconosca la pietà che ti ho e ch’io più non senta querele [p. 352 modifica]352 PARTE SECONDA di te, perché ti tratterei di maniera che mai non vorresti essermi venuto a le mani. Va’ con la benedizione di messer Domene- dio e mia, e non peccar più. — Già aveva prete Elia fatto dar congedo a la concubina fuora de la casa, facendole intendere che più dinanzi non gli andasse. Andò dunque a casa e co¬ minciò a cambiar vita e costumi, vivendo da buon sacerdote e mostrando che di core era pentito. La concubina, che voleva tornar a vivere a l’ombra del campanile, tentò per molte vie di tirar il prete al primo zambello, ma non vi fu ordine già mai. Onde poi che la misera vide che indarno s’affaticava e che il prete più non voleva sua pratica, o che ella fosse di lui inna¬ morata o che che se ne fosse cagione, si disperò e deliberò non voler più vivere. Era un giorno andato prete Elia a por¬ tare il preziosissimo e sagratissimo corpo del nostro Salvatore messer Giesu Cristo a un paesano assai lungi da la parrocchial chiesa, il quale era in termine di morte. Il che sentendo la di¬ sperata femina, se n’andò a la casa del'prete, e come quella che v’era dimorata circa dicenove anni e sapeva tutti i luoghi, entrò dentro ed aperta la camera con suoi ingegni, ad un trave di quella con la fune del pozzo per la gola s'appiccò e si ruppe l’osso del collo. Tornò il prete e, volendo con alquanti entrar in camera, vide il misero spettacolo. Vi concorsero molti ed il romore fu grande, e la trista, come meritava, fu tratta ne la se¬ poltura degli asini. Io v'andai mandato dal vescovo, e la vidi appiccata, e ci furono di quelli che testificarono che, andando il prete con il Corpus Domini, videro la sciagurata andar in fretta verso quella casa.