Novellette e racconti/LXI. Curioso bisbiglio di donne per un nonnulla

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LXI. Curioso bisbiglio di donne per un nonnulla

../LX. Inutilità del pensare a' casi avvenire ../LXII. Il Pazzo che vuol farla da medico IncludiIntestazione 26 novembre 2013 100% Da definire

LXI. Curioso bisbiglio di donne per un nonnulla
LX. Inutilità del pensare a' casi avvenire LXII. Il Pazzo che vuol farla da medico
[p. 108 modifica]

LXI.


Curioso bisbiglio di donne per un nonnulla.


Appena uscirono i numeri del lotto, che una femmina, moglie di un materassajo, ne andò ad una certa via prossima alla corte di Ca Barozzi, correndo che la parea invasata, e quivi trattosi lo zendale indietro e ondeggiandole di qua e di là dalle guance certi capelli che da parecchi giorni innanzi non erano stati attastati da pettine, incominciò a gridare come una trombetta: Donne, o donne, uscite fuori, abbiamo vinto; il lotto è nostro. Penetrò la voce ad un tempo negli orecchi di dieci femminette, e si udirono ad un tratto dieci strida di allegrezza. Aprironsi finestre, si spalancarono usci, si scesero scale, e tutto fu un tempo: tutte furono intorno alla beata messaggiera: chi traeva fuori polizze di qua, chi di là. Furono fatti i riscontri da un barcajuolo trovatosi quivi per caso, che intendeva l’abaco, e fu vero che fra dieci donne, le aveano vinto diciannove ducati per una. Da dieci gole cominciarono le allegrezze: furono ricordati i sogni e le combinazioni che fatte aveano; incominciaronsi tutte a baciare ed avventarsi al collo l’una dell’altra, che parea si volessero rodere. Aveano intorno le amiche un codazzo di fanciulli che saltavano e stridevano. Una fruttajuola fra le altre beneficata dalla fortuna, preso con l’ugne un grembiale alquanto logoro che avea innanzi, ne fece mille squarci, dicendo: Va, maladetto; ecco il tempo ch’io ti scambierò in un nuovo; [p. 109 modifica]ecco il tempo ch’io provvederò la bottega mia di frutte, sicchè i figliuoli miei non andranno più intorno con le ceste perdendo il fiato e il gorgozzule per le contrade a posta di pochi quattrini di fava. Un’altra gittò via da sè le pianelle, e promettendosene un pajo di ricamate, la cominciò a ballare in peduli; e un barcajuolo che quivi era, prese sotto le braccia una certa grassotta che parea nana, e cominciò ad alzarla e abbassarla come si fa del pestello in un mortajo. Per accrescimento della solennità giunse il marito della fruttajuola, il quale avea vinto anch’egli da sè cinque ducati, e fu raddoppiato il furore. Si promisero cene, colezioni, feste, e da quel dì in qua è sbandita la tristezza da quella calle, nè si parla più di altro, che di giocondità e di tesori.