Novellino/LVIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LVIII

../LVII ../LIX IncludiIntestazione 5 maggio 2009 75% Novelle

LVII LIX
Qui conta di messer Beriuolo cavaliere di corte

Uno cavaliere di corte, ch’ebbe nome messere Beriuolo, era in Genova. Venne a rampogne con uno donzello. Quello donzello li fece la fica quasi infino all’occhio, dicendoli villania.

Messere Branca Doria il vidde: seppeli reo; venne aquello cavaliere di corte e confortollo che rispondesse e facesse la fica a colui che la facea lui.

«Maidio» disse quello «non farò io: ch’io non li farei una delle mie per cento delle sue».