O Gran Lemene, or che Orator vi fe'

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Carlo Maria Maggi

O Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura O Gran Lemene, oe che Orator vi fe’ Intestazione 30 luglio 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Carlo Maria Maggi


[p. 249 modifica]

IV1


O Gran Lemene, or che Orator vi fe’
     Meritamente l’inclita Città,
     Io vi voglio insegnar come si fa
     Ad esser Orator d’Ora pro me,
5Tener l’arbitrio in credito si dè
     E in ozio non lasciar l’autorità
     Con chi vi può scoprir fare a metà,
     E i furti intitolar col ben del Re.
Non provocar chi sa, soffrir chi può;
     10Lo stomacato far dell’oggidì,
     Santo nel poco, e ne’ bei colpi nò,
Su i libri faticar così così;
     E saper dire a tempo a chi pregò
     Il nò con grazia, e con profitto il sì.


Note

  1. A Francesco de Lemene eletto Oratore di Lodi.