O della stirpe dell'invitto Marte

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giambattista Felice Zappi

O Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Intestazione 28 giugno 2017 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime dell'avvocato Gio. Batt. Felice Zappi e di Faustina Maratti sua consorte

[p. 1 modifica]

II.1


O della stirpe dell’invitto Marte
     Verace Figlio, a cui cedè pugnando
     Ogni del mondo più remota parte,
     4Non ch’il Belga, il German, l’Anglo, il Normando.
Parmi dal Tebro in quel gran dì mirarte,
     Quando la forte destra in mar rotando,

[p. 2 modifica]

     La manca in alto sostenea le carte,
     8Posto lo scudo al dorso, e in bocca il brando.
Ed oh, qual sei qui fermo oltre il costume,
     Tal fossi stato al Rubicone in riva
     11Fermo, senza spronar di quà dal Fiume!
Che il Tebro, e il mondo ah non avrian veduto
     Nè la Patria al tuo piè gemer cattiva,
     14Nè te steso nel sangue appiè di Bruto.

Note

  1. Sopra la Statua di Giulio Cesare.