O regina degli angioli, o Maria

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giovanni Boccaccio

XIV secolo O Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu sonetti Letteratura Intestazione 2 ottobre 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV/Giovanni Boccacci


[p. 303 modifica]

     O regina degli angioli, o Maria,
Ch’adorni il ciel co’ tuo’ lieti sembianti,
E stella in mar dirizzi i naviganti
4A porto e segno di diritta via;
     Per la gloria ove sei, vergine pia,
Ti prego guardi a’ miei miseri pianti;
Increscati di me; tômmi d’avanti
8L’insidie di colui che mi travìa.
     Io spero in te et ho sempre sperato:
Vagliami il lungo amore e riverente
11Il qual ti porto et ho sempre portato.
     Dirizza il mio cammin; fammi possente
Di divenire ancor dal destro lato
14Del tuo fìgliuol fra la beata gente.