Odi barbare/Delle Odi Barbare Libro II/Presso l'urna di Percy Bysshe Shelley

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Delle Odi Barbare Libro II
Presso l'urna di Percy Bysshe Shelley

../Per le nozze di mia figlia ../AVE – In morte di G. P. IncludiIntestazione 6 febbraio 2012 100% poesie

Delle Odi Barbare Libro II - Per le nozze di mia figlia Delle Odi Barbare Libro II - AVE – In morte di G. P.
[p. 917 modifica]



PRESSO L’URNA

di percy bysshe shelley


Lalage, io so qual sogno ti sorge dal cuore profondo,
so quai perduti beni l’occhio tuo vago segue.

L’ora presente è in vano, non fa che percuotere e fugge;
sol nel passato è il bello, sol ne la morte è il vero.4

Pone l’ardente Clio su ’l monte de’ secoli il piede
agile, e canta, ed apre l’ali superbe al cielo.

Sotto di lei volante si scuopre ed illumina l’ampio
cimitero del mondo, ridele in faccia il sole8

de l’età nova. O strofe, pensier de’ miei giovini anni,
volate omai secure verso gli antichi amori;

[p. 918 modifica]

volate pe’ cieli, pe’ cieli sereni, a la bella
isola risplendente di fantasia ne’ mari.12

Ivi poggiati a l’aste Sigfrido ed Achille alti e biondi
erran cantando lungo il risonante mare:

dà fiori a quello Ofelia sfuggita al pallido amante,
dal sacrificio a questo Ifïanassa viene.16

Sotto una verde quercia Rolando con Ettore parla,
sfolgora Durendala d’oro e di gemme al sole:

mentre al florido petto richiamasi Andromache il figlio,
Alda la bella, immota, guarda il feroce sire.20

Conta re Lear chiomato a Edippo errante sue pene,
con gli occhi incerti Edippo cerca la sfinge ancora:

la pia Cordelia chiama: ― Deh, candida Antigone, vieni!
vieni, o greca sorella! Cantiam la pace a i padri. ―24

Elena e Isotta vanno pensose per l’ombra de i mirti,
il vermiglio tramonto ride a le chiome d’oro:

[p. 919 modifica]

Elena guarda l’onde: re Marco ad Isotta le braccia
apre, ed il biondo capo su la gran barba cade.28

Con la regina scota su ’l lido nel lume di luna
sta Clitennestra: tuffan le bianche braccia in mare,

e il mar rifugge gonfio di sangue fervido: il pianto
de le misere echeggia per lo scoglioso lido.32

O lontana a le vie de i duri mortali travagli
isola de le belle, isola de gli eroi,

isola de’ poeti! Biancheggia l’oceano d’intorno,
volano uccelli strani per il purpureo cielo.36

Passa crollando i lauri l’immensa sonante epopea
come turbin di maggio sopra ondeggianti piani;

o come quando Wagner possente mille anime intona
a i cantanti metalli; trema a gli umani il core.40

Ah, ma non ivi alcuno de’ novi poeti mai surse,
se non tu forse, Shelley, spirito di titano,

entro virginee forme: dal divo complesso di Teti
Sofocle a volo tolse te fra gli eroici cori.44

[p. 920 modifica]

O cuor de’ cuori, sopra quest’urna che freddo ti chiude
odora e tepe e brilla la primavera in fiore.

O cuor de’ cuori, il sole divino padre ti avvolge
de’ suoi raggianti amori, povero muto cuore.48

Fremono freschi i pini per l’aura grande di Roma:
tu dove sei, poeta del liberato mondo?

Tu dove sei? m’ascolti? Lo sguardo mio umido fugge
oltre l’aurelïana cerchia su ’l mesto piano.52