Odo una voce tenera d'argento

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pier Jacopo Martello

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Odo una voce tenera d’argento Intestazione 18 marzo 2022 100% Da definire


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Pier Jacopo Martello


[p. 268 modifica]

III


Odo una voce tenera d’argento,
     Donde uscita non sò, chiamarmi a nome
     Chi sei? non veggio altro, che l’onda, e il vento
     Del circostante allor scuoter le chiome.
5E pur me, nuovamente avvien, che nome
     Il vicino invincibile concento,
     Onde in petto destarmi, e non so come,
     Amore insieme e maraviglia io sento.
Ah sei tu, che a me riedi, o piccol Figlio

[p. 269 modifica]

     10Io non scerneva il candido tuo aspetto
     Da quello, ove ti stai, cespo di giglio.
Te rende forse il buon paterno affetto
     A mie sorti compagno in questo esiglio?
     Nò, Padre: io te nella mia Patria aspetto.