Ogni allegro pensier ch'alberga meco

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Cino da Pistoia

XIV secolo O Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu sonetti Letteratura Ogni allegro pensier ch’alberga meco Intestazione 15 luglio 2016 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime (Cino da Pistoia)


[p. 94 modifica]

     Ogni allegro pensier ch’alberga meco,
Sì come peregrin, giunge e va via;
E sei ragiona della vita mia,
Intendol sì com’fa ’l Tedesco il Greco.
     5Amor, così son costumato teco.
Che l’allegrezza non so che si sia;
E se mi mandi a lei per altra via,
Più dolor sempre al cor dolente reco;
     Et honne dentro a lui soverchio tanto,
5Che tutto quanto per le membra corre
E si disvia in me per ogni canto.
     Ahi doloroso me! chi mi soccorre?
Ben veggio mi convien morir del pianto,
Che non si può per nulla cosa tôrre.