Omero minore/Il Margite

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Il Margite

../Poesie ../Indice IncludiIntestazione 28 febbraio 2016 100% Da definire

Poesie Indice
[p. 212 modifica]

IL MARGITE

[p. 213 modifica] [p. 214 modifica]



Anche altre poesie burlesche erano attribuite ad Omero; e fra queste, I Cèrcopi e il Margite.

I Cèrcopi erano demonietti burloni e fastidiosi, che, pare, non ebbero soggezione nemmeno d’ Ercole. E l'eroe li prese, in Ecalía, nella Beozia, e li chiuse dentro una gabbia, per portarli in omaggio a Deianira. Ma quelle birbe, anche in una situazione tanto precaria, non persero il buon umore, e fecero osservazioni cosí argute, che Ercole, vinto dal riso, li rimise in libertà. Ma del poema in cui il presunto Omero narrava le loro gesta, e che ispirò le arti figurate, non c'è rimasto che un emistichio insignificante.

Del Margite ci rimangono tre frammenti, anch’essi, senza dubbio, miserrimi, ma tali, tuttavia, da farci rimpiangere la perdita del poema.

Il primo era divenuto proverbiale fra i Greci. Descrive (in un sol verso) l'eroe, che trova molti riscontri anche fra i moderni:

Molte arti conosceva; però, l'una peggio dell’altra.

[p. 215 modifica]In un altro si insiste e si specifica:

Non aratore, né zappatore lo fecero i Numi,
né d’alcun’arte esperto: ché dove provava sbagliava.

Il terzo, cosi come c’è giunto, separato dal contesto, è perfettamente anodino:

Ministro delle Muse, d’Apollo che lunge saetta.

Il Margite era attribuito ad Omero già da Archiloco, la cui testimonianza fu seguita senz’altro da Platone e da Aristotele. Questi, anzi, dice esplicitamente che il Margite sta alla commedia come l’Iliade e l’Odissea stanno alla tragedia. Parrebbe dunque che egli, che conosceva il poema, non lo reputasse indegno di Omero.

E quindi potrebbe essere che anche qui fosse ingiustificato, o, per lo meno esagerato, lo scetticismo dei critici moderni.