Omo ch'è saggio non corre leggero

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Guido Guinizzelli

XIII secolo O sonetti duecento Omo ch'è saggio non corre leggero Intestazione 18 settembre 2008 75% sonetti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 
RISPOSTA A BONAGIUNTA DA LUCCA

Omo ch’è saggio non corre leggero
ma a passo grada sì com’ vol misura:
quand’ha pensato, riten su’ pensero
infin a tanto che ’l ver l’asigura.

5Foll’è chi crede sol veder lo vero
e non pensare che altri i pogna cura:
non se dev’omo tener troppo altero,
ma dé guardar so stato e sua natura.

Volan ausel’ per air di straine guise
10ed han diversi loro operamenti,
né tutti d’un volar né d’un ardire.

Deo natura e ’l mondo in grado mise,
e fe’ despari senni e intendimenti:
perzò ciò ch’omo pensa non dé dire.