Opere minori 1 (Ariosto)/Rime varie/Sonetto I

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto I

../Canzone III ../Sonetto II IncludiIntestazione 15 novembre 2015 100%

Rime varie - Canzone III Rime varie - Sonetto II
[p. 292 modifica]

Sonetto I.


     Perchè, Fortuna, quel che Amor m’ha dato,
Vuômi contender tu, l’avorio e l’oro,
L’ostro e le perle e l’altro bel tesoro,
4Di ch’esser mi credea ricco e beato?
     Per te son d’appressarmegli vietato,
Non che gioirne, e in povertà ne môro:
Non con più guardia fu sul lito moro1
8Il pomo dell’Esperidi servato.
     Per una ch’era al prezïoso legno,2
Cento custodie alle ricchezze sono
11Ch’Amor già di fruir mi fece degno.
     Ed è a lui biasmo: egli m’ha fatto il dono:
Che possanza è la sua, se nel suo regno,
14Quel che mi dà, non è a difender buono?


Note

  1. Della Mauritania.
  2. Leggiamo col Barotti, che trasse questa variante da due antiche copie a penna; credendo meglio significarsi con questa voce, che con l’altra di altre stampe (pegno), l’albero produttore dei pomi nell’orto delle delle Esperidi.