Pagina:Alberti, Leon Battista – Opere volgari, Vol. III, 1973 – BEIC 1724974.djvu/356

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
352 nota sul testo


III

LUDI RERUM MATHEMATICARUM

A) TESTIMONIANZE

manoscritti

Firenze
Biblioteca Nazionale
1. Cod. Magl. VI. 243 (F).

Cod. cart. sec . XVI; miscellanea di scritti vari; cc. 64r-74r: Opera de misure diverse composta da Leone Bap. Alberti fiorentino ad instantia dello [Ill.mo?] Borso Duca de Ferrara. Ludi Matematici. Contiene poco meno della metà del testo albertiano. Arrivato alla fine del paragrafo corrispondente nel nostro testo a p. 151, 12, il copista abbandona l’Alberti per aggiungere un lungo discorso sulla quadratura del circolo. Nel testo dei Ludi mancano le figure nei vari spazi lasciati in bianco.

Descrizione del Cod. in Mazzatinti, Inventari, vol. XII, p. 172.

Biblioteca Laurenziana
2. Cod. Ashburnham 356 (FL).

Miscellanea cart. secc . XV (fine) e XVI. A cc. 26r-31v: L. B. A. ex ludis rerum mathematicarum; testo incompleto. La trascrizione, sospesa a metà della c. 31v, arriva al passo corrispondente nel nostro testo a p. 147, 21, cioè poco più di un terzo del testo.

Cfr. P . O . Kristeller, Iter italicum, vol. I, p. 84 (b).