Pagina:Archivio storico italiano, serie 3, volume 13 (1871).djvu/561

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

annunzi bibliografici 555
La Nuova Antologia, Fascicoli di maggio e giugno 1871.


Giuseppe Cirillici ha continuato il suo studio sull’impero germanico, esaminandone le trasformazioni fino ai giorni nostri storicamente e politicamente. Nel fascicolo del giugno s’è letta la prima parte d’uno scritto d’Isidoro La Lumia intorno a Carlo Cottone principe di Castelnuovo in cui rappresentando la nobile figura del suo concittadino, e raccontando quel che operò in benefizio dell’isola natale, riassume con sobrietà e con nuove notizie la storia degli anni in cui la dinastia borbonica male corrispondeva all’affetto de’ Siciliani, mostra il predominio e la padronanza che gì’ Inglesi avevano acquistato nell’isola, e fa conoscere le condizioni morali e materiali di quel popolo colla perizia ed eleganza che lo fanno uno de’ più stimati scrittori di storia. Meritevole di considerazione è lo studio di C. Baer sul Catasto Fiorentino del secolo XV. E per la storia letteraria va segnalato il saggio di F. De Sanctis sul Foscolo.

G.


G. Ottino. Biblioteca Tipografica Italiana. -In 16mo di pag, 73; Firenze, Stabilimento di G. Pellas, 1871.


Il Signor Ottino, mentre attende con all’etto e operosità a far conoscere per mezzo della sua Bibliografia italiana colle pubblicazioni che si vanno facendo in Italia le condizioni e le vicende della cultura intellettuale, tiene rivolto anche il pensiero alla storia dell’arte tipografica. Abbiamo ricordato un altro suo lavoro che attiene al medesimo argomento. Annunziamo ora il presente libriccino stampato con molta eleganza in soli 60 esemplari. È un lavoro di bibliografia distribuito in quattro parti: l.a Storia della Tipografia in generale. 2.a Storia della Tipografia in Italia. 3.a Storia della Tipografia nelle Provincie italiane. 4.a Storia della Tipografia nelle città italiane. Benchè v’abbia posto tutta la diligenza possibile, non è certo d’aver fatto un lavoro compiuto: però ai bibliofili ed ai bibliotecari rivolge la preghiera che gli mostrino gli errori e le omissioni in cui possa esser caduto.