Pagina:Artusi - La scienza in cucina e l'arte di mangiar bene, Landi, 1895.djvu/163

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

143

quantità, a chicchi interi e fatela bollire finchè si strugga a metà.

La salsiccia sola poi, oltrechè in gratella, può cuocersi intera in un tegame, con un gocciolo d’acqua.


189. - Riso per contorno

Quando avrete per lesso una pollastra o un cappone mandateli in tavola con un contorno di riso che vi sta bene. Per non consumar tanto brodo imbiancate il riso nell’acqua e terminate di cuocerlo col brodo dei detti polli. Tiratelo sodo e, quando è quasi cotto, dategli sapore con burro e parmigiano in poca quantità; posto che il riso sia grammi 200, quando lo ritirate dal fuoco legatelo con un uovo o, meglio, con due rossi.

Se il riso, invece che al lesso di pollo, dovesse servire di contorno a uno stracotto di vitella di latte o a braciuoline, aggiungete agl’ingredienti sopra indicati due o tre cucchiaiate di spinaci lessati e passati por istaccio. Avrete allora un riso verde e più delicato.

Si può dare migliore aspetto a questi contorni restringendo il riso a bagno maria entro a uno stampo; ma badate non indurisca troppo, chè sarebbe un grave difetto.


190. - Carciofi in teglia.

Anche questo è un piatto di uso famigliare in Toscana, di poca spesa e relativamente buono. Potendo servire da colazione, per principio o per tramesso in un desinare di famiglia, non so comprendere come non sia conosciuto in altri luoghi d’Italia.

Preparate i carciofi nel modo descritto nel N. 142