Pagina:Balbo, Cesare – Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni, Vol. I, 1913 – BEIC 1740806.djvu/12

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
6 sommario della storia d’italia

in qualunque modo paia loro piú opportuno e piú comodo. Se mai con qualche lavoro precedente o col presente io mi sia acquistata la benevolenza di alcuni, io questi prego specialmente di essermi larghi di tale aiuto. Ed oso pur pregarne quegli stessi a cui lo scrittore rimanga indifferente, ma a cui tal non sia la storia di nostra patria, o l’uso che si può fare di essa. Finché non avremo un grande e vero corpo di storia nazionale, da cui si faccia poi con piú facilitá e piú esattezza uno di que’ ristretti destinati ad andar per le mani di tutti, o come si dice, un «manuale», io non so se m’ingannino le mie speranze di scrittore, ma tal mi pare possa esser questo. Né mi porrò a dire l’utilitá che verrebbe d’un tal manuale ben fatto; ma è appunto a far questo intanto il men cattivo possibile, ch’io domando l’aiuto de’ compatrioti. E giá il signor Predari direttore dell’Enciclopedia, a cui debbo inoltre l’occasione di questo libro, e via via i signori Carlo Promis, Federigo Sclopis, Luigi Cibrario, Roberto d'Azeglio e Massimo d’Azeglio, Ricotti e Angelo Paolo Carena non mi negarono di tali aiuti; i quali io nomino ed a gratitudine ed a vanto, né senza speranza di poter a questi aggiugner altri onorati nomi, quando che sia.

Quanto alle opinioni storiche o politiche, io so bene, che voglia io o non voglia, me ne saranno fatte critiche, piú o meno moderate, piú o meno cortesi, piú o meno esatte, secondo la natura, l’educazione e gli studi di ciascuno; e che l’ultime di queste potranno certo esser utili agli studiosi di nostra storia. Ma non paia superbia se aggiungo, che queste critiche, cioè in somma queste esposizioni delle opinioni altrui, potran difficilmente mutar le mie; siccome quelle che sono non solamente sincere, ma da lunghi anni concepite e quasi fattemi passar in sangue, e dall’educazione ricevuta da un padre lungamente, onoratissimamente sperimentato ne’ pubblici affari, e da quel poco di sperienza che potei acquistar io stesso dal 1808 al 1821, e dall’aver sofferto per esse poi, e dai non brevi studi fatti d’allora in poi. E mi si conceda aggiugnere, che pochi uomini, anche de’ paesi piú liberi, hanno al par di me quell’indipendenza di opinioni che è somma forse di tutte, quella che viene a uno scrittore dall’aver poco a temere, nulla a sperare politicamente per