Pagina:Dei Sepolcri (Bettoni 1808).djvu/34

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
22 note

de’ Danai, restituì a Salamina la dovuta gloria1. Ho udito che questa fama delle armi portate dal mare sul sepolcro del Telamonio prevaleva presso gli Eolii che posteriormente abitarono Ilio2. — Il promontorio Retèo che sporge sul Bosforo Tracio è celebre presso tutti gli antichi per la tomba d’Ajace.


Pag. 12


Eterno . . . . un loco.

I recenti viaggiatori alla Troade scopersero le reliquie del sepolcro d’Ilo antico Dardanide3.


Pag. 12


                    . . . La ninfa a cui fu sposo
Giove ed a Giove diè Dardano figlio.

Tra le molte origini de’ Dardanidi, trovo in due scrittori greci4 che da Giove e da Elettra, figlia di Atlante, nacque Dardano. Genealogia accolta da Virgilio e da Ovidio5.


  1. Analecta veterum Poetarum, editore Brunch, vo. iii, Epigram. anonimo cccxc.
  2. Pausania, Viaggio nell’Attica, cap. xxxv.
  3. Le Chevalier, Voyage dans la Troade, seconda edizione. — Notizie d’un viaggio a Costantinopoli dell’ambasciadore inglese Liston, di M. Hawhins, e del D. Dallaway.
  4. Lo scoliaste antico di Licofrone al verso 19. — Apollodoro, Bibliot. lib. iii, cap. 12.
  5. Eneide, lib. viii, 134. — Fasti, lib. iv, 31.