Pagina:Doni, Anton Francesco – I marmi, Vol. II, 1928 – BEIC 1814755.djvu/27

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
22 i marmi - parte terza


Fiorentino. Questo e l’altro di lá sono stati sculpiti uno per il magnifico Giuliano e l’altro per il duca Lorenzo.

Peregrino. Che stupende bozze di terra son queste qui basse?

Fiorentino. Avevano a esser due figuroni di marmo che Michel Agnolo voleva fare.

Peregrino. Perché non si dava egli grado, ancóra che non se ne curi, e stato e ricchezze e palazzi e possessioni a un tanto uomo e che tutto il bello che egli ha fatto a Roma fosse stato fatto qua in questa cittá fior del mondo? Voi avete pure gli animi feroci in verso i vostri sapienti, inverso i vostri compatrioti mirabili! Mentre che son vivi, voi gli sprezzate, offendete e perseguitate: onde quel che fanno, lo fanno con un animo carico di mille fastidi; che se potessino godere la patria con quiete e fossero riconosciuti, meglio assai opererebbono. Il vostro Dante dove è? il vostro Petrarca? il Boccaccio come si sta? Ottimamente stanno certo, perché godano il privilegio delle virtú loro; ma non gli mancaron giá mai travagli. Leggete la vita di Filippo di ser Brunellesco scritta da messer Giorgio Vasari, e vedrete quanta fatica egli durò a mostrar la sua virtú a dispetto degli invidiosi vostri. Qual maggior pittore arete voi mai d’Andrea del Sarto? dove diaciono le sue ossa? Il vostro gran Rosso perché non lo aver mantenuto qua? Perin del Vaga? O Dio, che voi abbiate sí fatta dote dal cielo e l’uno l’altro ve la conculchiate e cerchiate di ficcarla sotto terra...! Perché non ci sono le statue di Pier Soderino, di Cosimo vecchio, di Lorenzo, del signor Giovanni1, d’Anton da San Gallo, del Ficino, del Poliziano, e tanti altri infiniti in ogni scienza e arte ornati? Quanti anni è stato il vostro Bandinello fuori? quanti Benvenuto?2 dove è Francesco Salviati? dove Giovan’Angelo?3 dove Michel Angelo? dove è il Nardi, Luigi Alamanni, dove

  1. De’ Medici, dalle Bande nere [Ed.].
  2. Il Cellini [Ed.].
  3. Fra Giovan Angelo da Montorsoli [Ed.].