Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/137

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


cerche degli eruditi Scrittori, e particolarmente del sapientissimo Signor Marchese Maffei, non abbiasi mai potuto rilevarne l’Autore.

Nel piano di quell’ampio recinto, formasi nella più calda stagione un Teatro, sul quale si rappresentan, di giorno, dalle migliori Compagnie d’Italia, Commedie e Tragedie.

Chiudesi con uno steccato il resto del pian terreno, dal palco sino ai gradini, e colà si tengono gli spettatori sopra de’ seggiolini di paglia, e il popolo minuto, e tutti quelli che vogliono spender meno, siedono su i gradini, che son di faccia al Teatro. L* ora comoda, l’aria aperta e la vastità del luogo facilitano molto l’ingresso ed il piacere ad un’infinità di persone, e si moltiplica r utile de’ Commedianti. Entrato dunque e preso posto in Arena, vidi che si rappresentava in quel giorno una Commedia dell’Arte, nella quale aveva molto a faticar l’Arlecchino. Osservai che l’uditorio rideva, ma alcuni che mi erano più vicini, e che rideano più sgangheratamente degli altri, diceano al tempo stesso ai commedianti: Baroni. Rideano, e lor diceano Baroni. Pensai allora al mio antico progetto (1), e dicea fra me stesso: Oh, s’io potessi arrivare a tanto di far ridere gli spettatori, senza che dicesser Baroni!

Era in questo pensier concentrato, quando la voce di un Attore, che mi parea di conoscere, mi risvegliò. Qual fu la mia sorpresa, quando vidi su quel Teatro il mio Gaetano Casali, ch’io avea lasciato in Milano colla Compagnia dell’Anonimo, e per il quale composto aveva il mio Bellisario! Abbandono immediatamente il mio posto; monto sul palco; attendo ch’ei finisca la Scena; entra, mi vede, mi abbraccia e mi domanda nuove di Bellisario. Con qual contento appres’egli ch’io r aveva finito! Mi- prende per mano e mi presenta all’Imer, suo camerata e Direttore della Compagnia, e mi annonzia per un Autore, da cui si potea sperar delle cose buone, e specialmente un Bellisario novello. Sarebbe egli in grado di comporre degl’intermezzi, disse subito il Direttore? Sì, rispose il Casali, ne ha composto per noi a Milano, e la Cantatrice, ed il Gondoliere sono (I) Testo: pTOggetto. - Ed.