Pagina:In morte di Lorenzo Mascheroni.djvu/111

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

(111)

Pagina 33


Fu di Camillo all’ire generose,
E di lui che crollò de’ trenta il regno.

Camillo quando vendicò Roma dai Galli, e Trasibulo che cacciò i trenta tiranni da Atene.


Ivi


. . . . . di là dove alla diurna,
Lampa il corpo perd’ombra . . . . . . . . .

L’Egitto, paese situato sotto il tropico del Cancro, dove i corpi nei giorni solstiziali presentano poca o niuna ombra. Era celebre a Siene un pozzo, dove il sole, precisamente perpendicolare ad esso nel suo passaggio del Cancro rifletteva per entro le acque la sua immagine.


Pag. 34


. . . . . . . . Massena, ec.

Dopo la rottura del trattato di Campo-Formio, cioè mentre Napoleone era in Egitto, i confederati avevano convenuto a questo modo; che gl’inglesi sbarcherebbono un esercito in Olanda, gl’imperiali ed i russi discenderebbono in Italia ed attaccherebbono la Svizzera, alleata colla Francia. Gl’inglesi infatti, sotto gli ordini del duca di Yorck e secondati dai partigiani del principe di Orange, essendo sbarcati in Olanda, riuscirono ad impadronirsi della flotta batava che ancorava nel Texel: ma battuti in seguito a Bergen dall’esercito del generale Brune, e avviluppati nelle paludi del Zyp, il duca di Yorck per salvarsi fu costretto ad una capitolazione non troppo onorevole per le armi britanniche, e che lo obbligava a sgomberare con tutte le sue truppe l’Olanda. Gli austro-russi fu-