Pagina:La Sacra Bibbia (Diodati 1885).djvu/482

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Davide domanda liberazione SALMI 35, 36. dai suoi nemici.
esaudisce, e li libera da tutte le lor distrette.

18 Il Signore è presso di quelli che hanno il cuor rotto, e salva quelli che hanno lo spirito contrito1.

19 Molte son le afflizioni del giusto; ma il Signore lo libererà da tutte2.

20 Egli guarda tutte le ossa di esso: e niuno ne può esser rotto3.

21 La malvagità farà morire il malvagio, e quelli che odiano il giusto saran distrutti.

22 Il Signore riscatta l’anima de’ suoi servitori; e niuno di quelli che sperano in lui sarà distrutto.

SALMO 35.

Preghiera per la punizione dei malvagi; descrizione della loro empietà; preghiera e ringraziamento per la liberazione.

Salmo di Davide.

1 O SIGNORE, contendi con quelli che contendono meco; guerreggia con quelli che guerreggiano meco.

2 Prendi lo scudo e la targa; e levati in mio aiuto.

3 E trai fuori la lancia, e serra il passo a quelli che mi perseguitano; di’ all’anima mia: Io son la tua salute.

4 Sien confusi e svergognati quelli che cercano l’anima mia; voltin le spalle, e sieno svergognati Quelli che macchinano del male contro a me.

5 Sien come pula al vento, e caccili l’Angelo del Signore.

6 Sia la via loro tutta tenebre, e sdruccioli; e perseguali l’Angelo del Signore.

7 Perciocchè senza cagione hanno fatta una fossa nascosta, per tendervi la lor rete; senza cagione l’hanno cavata all’anima mia.

8 Venga loro una sprovveduta ruina4, e sieno presi colla lor propria rete che hanno tesa di nascosto, e cadano nella ruina che mi hanno apparecchiata5.

9 Allora l’anima mia festeggerà nel Signore, e si rallegrerà nella sua salute.

10 Tutte le ossa mie diranno: O Signore, chi è pari a te, che riscuoti il povero afflitto da chi è più forte di lui; il povero afflitto, e il bisognoso, da chi lo spoglia?

11 Falsi testimoni si levano; mi domandano cose, delle quali non so nulla.

12 Mi rendono male per bene6; rendono sconforto all’anima mia.

13 E pure io, quando essi erano infermi, mi vestiva d’un cilicio. Ed affliggeva l’anima mia col digiuno, e la mia orazione mi ritornava in seno.

14 Io andava attorno, come se fosse stato per un mio amico, ovver fratello; io an-
dava chino, e vestito a bruno, come uno che faccia cordoglio di sua madre.

15 Ma quando io son zoppicato, essi se ne son rallegrati, e si sono adunati insieme; gente da nulla si è adunata contro a me, senza che io lo sapessi; mi hanno lacerato, senza mai restare;

16 Insieme con profani beffatori giocolari, digrignando i denti contro di me.

17 O Signore, infino a quando vedrai queste cose? Ritrai l’anima mia dalle ruine loro, l’unica mia d’infra i leoncelli.

18 Io ti celebrerò in gran raunanza; io ti loderò in mezzo d’un gran popolo.

19 Non rallegrinsi di me quelli che mi son nemici a torto; non ammicchino con gli occhi quelli che mi odiano senza cagione7.

20 Perciocchè non parlano giammai di pace; anzi macchinano frodi contro a’ pacifici della terra.

21 Ed allargano la lor bocca contro a me, e dicono: Eia, eia! l’occhio nostro ha pur veduto quello che desideravamo.

22 O Signore, tu hai vedute queste cose; non tacere; o Signore, non allontanarti da me.

23 Risvegliati, e destati, per farmi ragione; Dio mio, e Signor mio, risvegliati per difendere la mia causa.

24 O Signore Iddio mio, giudicami secondo la tua giustizia8, e fa ch’essi non si rallegrino di me;

25 E non dicano nel cuor loro: Ehi! anima nostra; e non dicano: Noi l’abbiamo trangugiato.

26 Sieno svergognati e confusi tutti quanti Quelli che si rallegrano del mio male; sieno vestiti di vergogna e di vituperio quelli che si magnificano contro a me.

27 Cantino, e rallegrinsi quelli che hanno buona affezione alla mia giustizia9; e dicano del continuo: Magnificato sia il Signore, che vuole la pace del suo servitore.

28 E la mia lingua risonerà la tua giustizia e la tua laude, tuttodì10.

SALMO 36.

Estrema malizia degli empi; ricorso a Dio giusto e benigno, perchè salvi i suoi.

Salmo di Davide, servitor del Signore, dato al Capo de’ Musici.

1 IL misfatto dell’empio mi dice dentro al cuore, ch’egli non ha timore alcuno di Dio davanti agli occhi11.

2 Perciocchè egli si lusinga appo sè stesso12, per venire a capo della sua iniquità, che è pur da odiare.

3 Le parole della sua bocca sono iniquità

  1. Sal. 51. 17. Is. 57. 15; 6l. 1; 66. 2.
  2. 2 Tim. 3. 11, 12.
  3. Giov. 19. 36.
  4. 1 Tess. 5. 3.
  5. Sal. 7. 15, 16. Prov. 5. 22.
  6. Giov. 10. 32.
  7. Giov. 15. 25.
  8. 2 Tess. 1. 6.
  9. Rom. 12. 15. 1 Cor. 12. 26.
  10. Sal. 50. 15; 51. 14.
  11. Rom. 3. 18.
  12. Deut. 29. 19.

474