Pagina:La Sacra Bibbia (Diodati 1885).djvu/500

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Dio innalza ed abbassa. SALMI 75–77. Maesà e potenza di Dio.
12 Ora Iddio già ab antico è il mio Re. Il quale opera salvazioni in mezzo della terra.

13 Tu, colla tua forza, spartisti il mare1; tu rompesti le teste delle balene nelle acque.

14 Tu fiaccasti i capi del leviatan, e li desti per pasto al popolo de’ deserti.

15 Tu facesti scoppiar fonti e torrenti; tu seccasti fiumi grossi2.

16 Tuo è il giorno, tua eziandío è la notte; tu hai ordinata la luna e il sole3.

17 Tu hai posti tutti i termini della terra; tu hai formata la state ed il verno4.

18 Ricordati di questo: che il nemico ha oltraggiato il Signore, e che il popolo stolto ha dispettato il tuo Nome.

19 Non dare alle fiere la vita della tua tortola; non dimenticare in perpetuo la raunanza de’ tuoi poveri afflitti.

20 Riguarda al Patto5, perciocchè i luoghi tenebrosi della terra sono ripieni di ricetti di violenza.

21 Non ritornisene il misero indietro svergognato; fa che il povero afflitto e il bisognoso lodino il tuo Nome.

22 Levati, o Dio, dibatti la tua lite; ricordati dell’oltraggio che ti è fatto tuttodì dallo stolto.

23 Non dimenticar le grida de’ tuoi nemici; lo strepito di quelli che si levano contro a te sale del continuo al cielo.

SALMO 75.

Il profeta loda Iddio e promette di fare osservare la giustizia.

Salmo di cantico di Asaf, dato al Capo de’ Musici, sopra Al-tashet.

1 NOI ti celebriamo, noi ti celebriamo, o Dio; perciocchè il tuo Nome è vicino; l’uomo racconta le tue maraviglie.

2 Al tempo che avrò fissato, io giudicherò dirittamente.

3 Il paese e tutti i suoi abitanti si struggevano; ma io ho rizzate le sue colonne. (Sela.)

4 Io ho detto agl’insensati: Non siate insensati; ed agli empi: Non alzate il corno;

5 Non levate il vostro corno ad alto; e non parlate col collo indurato.

6 Perciocchè nè di Levante, nè di Ponente, nè dal deserto, viene l’esaltamento.

7 Ma Iddio è quel che giudica; egli abbassa l’uno, ed innalza l’altro6.

8 Perciocchè il Signore ha in mano una coppa, il cui vino è torbido; ella è piena di mistione, ed egli ne mesce7; certamente tutti gli empi della terra ne succeranno e berranno le fecce.

9 Ora, quant’è a me, io predicherò queste cose in perpetuo, io salmeggerò all’Iddio di Giacobbe.

10 E mozzerò tutte le corna degli empi; e farò che le corna de’ giusti saranno alzate.

SALMO 76.

Maestà e potenza di Dio.

Salmo di cantico di Asaf, dato al Capo de’ Musici, sopra Neghinot.

1 IDDIO è conosciuto in Giuda; il suo Nome è grande in Israele.

2 E il suo tabernacolo è in Salem, e la sua stanza in Sion.

3 Quivi ha rotte saette, archi, scudi, e spade, ed arnesi da guerra. (Sela.)

4 Tu sei illustre, potente, più che i monti dei predatori.

5 I magnanimi sono stati spogliati, hanno dormito il sonno loro; e niuno di quegli uomini prodi ha saputo trovar le sue mani.

6 O Dio di Giacobbe, e carri e cavalli sono stati stupefatti per lo tuo sgridare8.

7 Tu sei tremendo; tu, dico; e chi durerà davanti a te, dacchè tu ti adiri?

8 Tu bandisti giudicio dal cielo; la terra temette, e stette cheta.

9 Quando Iddio si levò per far giudicio, per salvar tutti i mansueti della terra. (Sela.)

10 Certamente l’ira degli uomini ti acquista lode; tu ti cingerai del rimanente dell’ire.

11 Fate voti al Signore Iddio vostro, e adempieteli9; tutti quelli che sono d’intorno a lui portino doni al Tremendo.

12 Egli vendemmia lo spirito de’ principi; egli è tremendo ai re della terra.

SALMO 77.

Lotte interne del Salmista. Riprende animo considerando le opere grandi e misericordiose di Dio.

Salmo di Asaf, dato al Capo de’ Musici, de’ figliuoli di Iedutun.

1 LA mia voce s’indirizza a Dio, ed io grido; la mia voce s’indirizza a Dio, acciocchè egli mi porga l’orecchio.

2 Nel giorno della mia distretta, io ho cercato il Signore10; le mie mani sono state sparse qua e là di notte, e non hanno avuta posa alcuna; l’anima mia ha rifiutato d’essere consolata.

3 Io mi ricordo di Dio, e romoreggio; io mi lamento, e il mio spirito è angosciato. (Sela.)

4 Tu hai ritenuti gli occhi miei in continue vegghie; io son tutto attonito, e non posso parlare.


  1. Es. 14. 21.
  2. Es. 17. 5, 6. Num. 20. 811. Gios. 3. 13, ecc.
  3. Gen. 1. 14, ecc.
  4. Gen. 8. 22.
  5. Gen. 17. 7, 8. Lev. 26. 44, 45. Ger. 33. 21.
  6. 1 Sam. 2. 7. Dan. 2. 21.
  7. Apoc. 14. 10; 16. 19.
  8. Es. 15. 1, 21.
  9. Eccl. 5. 46.
  10. Sal. 50. 15.

492