Pagina:Leopardi, Giacomo – Canti, 1938 – BEIC 1857225.djvu/193

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

dediche, notizie, annotazioni 187

che in questa parte non le arrivano quelle del Sannazzaro né qual altro si sia dei nostri poemi pastorali, eccettuato l'Aminta e in parecchie scene il Pastor Fido.

Ivi, 12. Altrice.
[v. 198]

Credo che ti potrei portare non pochi esempi dell’uso di questa parola, pigliandoli da’ poeti moderni: ma se non ti curi degli esempi moderni, e vuoi degli antichi, abbi pazienza che io li trovi, come spero, e in questo mezzo aiutati col seguente, ch’è del Guidiccioni1. «Mira che giogo vil, che duolo amaro Preme or l’altrice de’ famosi eroi».

Ivi, 13. Se di codardi è stanza,
[v. 199] meglio l’è rimaner vedova e sola.

«Solo» in forza di «romito», «disabitato», «deserto» non è del Vocabolario, ma è del Petrarca2. «Tanto e piú fien le cose oscure e sole Se morte gli occhi suoi chiude ed asconde». E del Poliziano3. «In qualche ripa sola E lontan da la gente [dice d’Orfeo] Si dolerà del suo crudo destino». E del Sannazzaro nel Proemio dell’Arcadia. «Per li soli boschi i salvatichi uccelli sovra i verdi rami cantando». E nell’egloga undecima4. «Piangete, valli abbandonate e sole». E del Bembo5. «Parlo poi meco, e grido, e largo fiume Verso per gli occhi in qualche parte sola». E del Casa6. «Ne i monti e per le selve oscure e sole». E del Varchi7. «Dice per questa valle opaca e sola Tirinto». E del Tasso8. «Per quella via ch’è piú deserta e sola». È tolto ai Latini, tra’ quali9 Virgilio nella Favola d’Orfeo10:

  1. Son. «Viva fiamma di Marte, onor de’ tuoi».
  2. Son. «Tra quantunque leggiadre donne e belle».
  3. Orfeo, At. iii, ediz. dell’Affò, Ven. 1776, v. 16, p. 41.
  4. V. 16.
  5. Son. xxxv.
  6. Son. xliii.
  7. Son. «Tesilla amo, Tesilla onoro, e sola».
  8. Ger. lib., c. x, st. 3.
  9. [Nell’ediz. Nobili: «fra’quali».]
  10. Geor., lib. iv, v. 465.