Pagina:Leopardi, Giacomo – Canti, 1938 – BEIC 1857225.djvu/219

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


DEDICHE, NOTIZIE, ANNOTAZIONI 2X3 117. E la fugace, ignuda felicità per l’imo sole incalza. Non occorre avvertire che la California sta nell’ultimo termine occidentale del continente. La nazione de’ Californii, per ciò che ne riferiscono i viaggiatori, vive con maggior naturalezza di quello ch’a noi paia, non dirò credibile, ma possibile nella specie umana. Certi che s’affaticano di ridurre la detta gente alla vita sociale, non è dubbio che in processo di tempo verranno a capo di que¬ st’impresa; ma si tiene per fermo che nessun’altra nazione dimo¬ strasse di voler fare cosi poca riuscita nella scuola degli Europei. La nostra lingua usa di preporre l’articolo al pronome « uno », eziandio parlando di più soggetti, e non solamente, come sono molti che lo credono, quando parla di soli due. Basti recare di mille esempi il seguente, ch’io tolgo dalla quindicesima novella del Boccaccio. «Egli era sopra due travicelli alcune tavole con¬ fìtte, delle quali tavole quella che con lui cadde era l’un a». Lettor mio bello, (è qui nessuno, o parlo al vento?) se mai non ti fossi curato de’ miei consigli, e t’avesse dato il cuore di venirmi dietro, sappi ch’io sono stufo morto di fare, come ho detto da principio, alle pugna; e la licenza che ti ho U) domandata per una volta sola, intendo che già m’abbia servito. E però «/«V caestus artemque repono ». Per l’avvenire, in caso che mi querelino d’impurità di lingua e che abbiano tanta ragione con quanta po¬ tranno incolpare i luoghi notati di sopra e gli altri della stessa data, verrò cantando quei due famosi versi che Ovidio compose quando in Bulgaria gli era dato del barbaro a conto della lingua. Canzone Decima [Alla stia donna] Stanza V, verso 1. [v. 45] Se de l’eterne idee l’una se’ tu. (1) [Nell’ediz. Nobili: «ch’io t’ho».]