Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo II.djvu/63

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LIBRO PRIMO 43

stadj, e non havvene oltre a diciotto per giugnere ai limiti delle due monarchie. Né vi voleva meno della guerra cogli Unni per istogliere i Persiani dall'impedire quanto bramavano la nuova fortificazione. Laonde Cavado appena deposte le armi spedì ambasciadori a querelarsi co’Romani dell'operato da loro in contraddizione ai trattati, afforzando una città sulla frontiera1. Ma Anastasio con minacce, con preghiere, e soprattutto con danaro procurò calmarne lo sdegno, e spegnere in lui ogni vendetta.

V. L'imperatore inoltre ridusse allo stesso splendore di Dara un altro armeno borgo a confine della Persarmenia, innalzato sol di nome a città da Teodosio, e chiamatolo Teodosiopoli2; lo cinse di forti mura, e lo pose in istato, non men dell'altra, di tenere in freno i Persiani, essendo entrambe opportunissime allo scorrazzare le terre loro.

    presa dal re di Persia Cosroe Anushirvan, ed ora le sue poche vestigia hanno nome Dara-Karelin.

  1. (1) Trattato di pace stipulato tra Vararane, e Teodosio col mezzo dell’imperiale ambasciadore Anatolio. V. cap. 2, § 4.
  2. (2) Tale borgo celebre per le molte sorgenti nomavasi in addietro dagli Arabi Ras-Ain, cioé testa di fontana; ora è detto Hassan-cala, o Cali-cala, voce che noi tradurremmo il bel castello.