Pagina:Opere scelte di Ugo Foscolo I.djvu/28

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

xxvii

del simular nimicissimo1. E sebbene le sue sentenze fossero talvolta più singolari che secondo ragione, non però scendeano mai senza frutto e senza durabili effetti nell’animo degli ascoltatori. Omero, Dante e Shakespeare erano per esso i più maravigliosi poeti del mondo, perchè di prerogative acconcie a piacere ad ogni popolo e ad ogni età.

Notabile infine fu in lui l’indefesso amore verso il fratello, come singolare e ineffabile la tenerezza e la riconoscenza verso la madre, che avendo sospirato invano per molti anni un amplesso del figlio, lo precedè di poco tempo alla tomba.


§ III Opere.


Il componimento con che il Foscolo richiamò prima a se gli occhi del pubblico fu il Tieste

  1. * Oltre d’essere un assai bel parlatore, era anche dotato del talento d’un’estemporanea eloquenza, per la quale perorando nel 1805 al campo di Boulogne e precisamente a Valenciennes in favore di certo Giovanni Armani Sargente maggiore del 2.° Reggimento di linea accusato come assassino del suo capitano, giunse ad intenerire i giudici in favore del suo cliente per modo, che senza una truce risposta data dal reo al presidente del consiglio di guerra, se non sarebbe stato costui pienamente assoluto, avrebbe per lo meno veduta attenuata la pena dalla legge inflitta alla grave sua colpa.